5 cocktail da Harry Potter – creare pozioni è alla portata di tutti

- Ultimo aggiornamento: 15 Novembre 2016 23:36 - Tempo di lettura: 7 minuti

Se è vero che tutto arriva a chi sa attendere, non disperate! La vostra lettera di ammissione a Hogwarts è solo stata consegnata al gufo sbagliato. Mentre attendete che Errol imbocchi la strada giusta (togliete di mezzo le ciotole con le patatine però, non si sa mai…), ci sono molte altre cose da fare per prepararvi a diventare un mago coi fiocchi e uscire dalla monotonia della vita babbana. Intanto, se volete seguirci anche su Facebook cliccate MI PIACE sulla pagina dedicata ad Harry Potter:

SEMPLICEMENTE HARRY POTTER

Harry Potter

Ogni mago che si rispetti sa smaterializzarsi da un posto ad un altro e quindi perché non approfittare di questa vantaggiosa capacità per materializzarsi proprio nel bel mezzo del nuovo parco a tema, aperto all’inizio di aprile a Hollywood? Nel caso ancora non foste pratici con le smaterializzazioni, cliccate qui per una straordinaria visita telematica all’interno del nuovo Wizarding World.

Harry Potter – la sottile scienza e l’esatta arte del preparare pozioni

Errol è finalmente arrivato? Peccato… avrà svoltato a destra anziché a sinistra. Nel frattempo alleniamoci con una delle materie più accessibili per voi maghetti e streghette temporaneamente sprovvisti di bacchette. Stiamo parlando di POZIONI, la materia più temuta dai giovani Grifondoro. La sottile scienza e l’esatta arte del preparare pozioni (conosciuta come “bartending” dai babbani) è difficile, ma può essere imparata alla perfezione senza “inutili sventolii di bacchette.” È quindi la materia che fa per voi. Secondo il Professor Piton, una buona pozione è in grado di “stregare la mente e irretire i sensi.” In teoria, è anche possibile “imbottigliare la fama, approntare la gloria e finanche mettere un fermo alla morte” se si sa cosa si sta facendo. Obiettivi ambiziosi e non alla portata di tutti, ma creare un buon drink per divertirsi e ubriacarsi (con moderazione!) in compagnia è fattibilissimo, anche se alla fine vi rivelaste essere dei semplici babbani.

5 pozioni dal magico mondo di Harry Potter

6. La Pozione Polisucco (Polyjuice Potion)

Come sa bene Hermione, la pozione in questione va preparata con prudenza, onde evitare trasformazioni indesiderate, ma se seguite le istruzioni riportate qui di seguito dovreste trasformarvi proprio nella persona desiderata… speriamo!

Quantità per 1 persona

In questo cocktail si è usato un green juice della Blueprint, ma potete anche farla voi stessi se avete uno spremitore o potete procurarvene una tazza dal vostro rivenditore di succhi preferito. Dovrebbe includere un agrume e almeno un frutto, come la mela o l’ananas, per la dolcezza. Il liquore Chartreuse aggiunge un’interessante nota erbacea, ma la potete evitare se preferite (è piuttosto costosa).

Ingredienti:

45 cc di gin;
45 cc di green juice appena spremuta o in bottiglia;
30 cc di Chartreuse verde;
15 cc di succo di lime;
Sprite o 7-Up (opzionale)

Preparazione:

Agita il gin, i succhi e il Chartreuse in uno shaker con del ghiaccio. Servire in un bicchiere (con o senza ghiaccio) e aggiungere uno spruzzo di soda se lo preferite un po’ più leggero. Et Voilà! Assaggiate la vostra prima pozione! Che ve ne pare?

Si spera abbiate reagito un po’ meglio di Harry, Ron ed Hermione. Con la vostra prima pozione ormai completa, magari vi va di tentare il fato con un filtro magico che può mutare le sorti della persona che lo beve. Un infuso che può rendere le vostre imprese sempre di successo. Se siete interessati a questo, fa al vostro caso la prossima pozione!

5. Felix Felicis – Fortuna Liquida

Secondo il famosissimo pozionista del 16° secolo Zygmunt Budge (di cui i vostri futuri insegnanti a Hogwarts vi parleranno senz’altro), “se preparata correttamente la pozione renderà fortunato chi la beve, ma state attenti… un consumo eccessivo è fortemente tossico e può rendere avventati.” Questa pozione vi aiuterà ad avere successo (almeno con amici e parenti) e chissà che non riesca a farvi recapitare anche l’agognata lettera di ammissione se presa al momento giusto.

Quantità per 1 persona

Per preparare uno sciroppo semplice, mescolate in un recipiente sul fuoco acqua e zucchero in ugual misura, finché lo zucchero non si scioglie. Dopo fatelo raffreddare.

Ingredienti:

7,5 cc di sciroppo;
7,5 cc di succo di limone;
45 cc di birra allo zenzero;
Champagne o altro vino frizzante

Preparazione:

Mescolate lo sciroppo e il succo di limone in un flute. Aggiungete la birra allo zenzero e finite di riempire con lo Champagne. Ed ora è ora di vedere se la vostra giornata è destinata a un netto miglioramento. Mi raccomando, non prendetela prima di giocare una partita di Quidditch o verrete squalificati!

So cosa state facendo, ma mettete al loro posto i coltelli e i fagioli. Niente distillato di morte per oggi. Non disperate però! La pozione con cui state per cimentarvi è di gran lunga più pericolosa.

4. Amortentia

Questo potentissimo filtro d’amore ha un odore diverso a seconda della persona che se lo trova davanti. Le streghe e i maghi di tutto il globo dovrebbero avere nel proprio arsenale una fialetta di questo potente infuso per ogni evenienza…non si sa mai. È bene ricordare però che “l’Amortentia non crea davvero l’amore, questo è impossibile, ma provoca una potente infatuazione o un’ossessione.” Ma chi lo sa. Magari è la spinta alcoolica giusta per i vostri San Valentino!

Quantità per 20 persone

Ingredienti:

Per l’anello di ghiaccio

470 g di lamponi freschi;
235 g circa di semi di 1 melagrano;
4 tazze (0,95 litri) d’acqua bollita (lasciarla freddare a temperatura ambiente) e poi congelata in cubetti (per ottenere ghiaccio limpido).

Per il punch

1 bottiglia di Aperol da 750 cc;
4 tazze (0,95 litri) di succo di melograno;
2 tazze (470 cc) di gin;
2 bottiglie di vino rosé frizzante da 750 cc freddo

Preparazione:

Disponete sul fondo di una casseruola o di una teglia per dolci i lamponi e i chicchi di melagrana. Coprite la frutta con uno strato di cubetti di ghiaccio per tenerli fermi e versate sopra sufficiente acqua per coprire il ghiaccio (non è necessario usare tutta l’acqua). Mettete in congelatore per tutta la notte. Mescolate l’Aperol, il succo di melagrana e il gin insieme in un una grande ciotola per il punch. (Opzionale: Potete anche preparare questa miscela in anticipo e metterla a riposare per tutta la notte in un contenitore sigillato mentre il cerchio di ghiaccio congela.) Quando siete pronti per servire il punch, aggiungete il vino frizzante e mescolate piano. Aggiungete il cerchio di ghiaccio alla fine.

Fatto strage di cuori, voi giovani streghe? Ottimo lavoro! Ron ha apprezzato il pensiero. Dopo tanto faticare in cucina, trasformata per l’occasione nell’aula di pozioni, è arrivato il momento di rilassarsi un pochino. E quale modo migliore se non quello di passare il vostro tempo libero nel più rinomato pub di Hogsmaede?

3. Burrobbira – Butterbeer

La bevanda preferita dagli studenti di Hogwarts è senza alcun dubbio questa e la si può trovare ai Tre Manici di Scopa. Visto che la vostra cucina non è proprio a due passi da questa ridente località (e visto che di smaterializzarsi non se ne parla e che il vostro camino non è ancora in elenco), vi toccherà rilassarvi al più sul divano di casa. Madama Piediburro sarebbe lietissima di servirvi la vostra bevanda preferita alla temperatura ideale ma, ahimè, siete confinati ancora nella terra dei babbani. Tirate fuori calderoni e mestoli e armatevi di pazienza per creare da voi questa specialità. La versione qui proposta è un po’ più alcolica rispetto a quella più raffinata che si trova ai Tre Manici di Scopa, magari evitate il bourbon se pensate di servirla a qualche studente minorenne.

Quantità per 6-8 persone

Per questo cocktail una salsa butterscotch fatta in casa sarebbe l’ideale, ma usatene una comprata se ce n’è una marca che vi piace. Potete mettere del ginger ale se non riuscite a trovare una buona (non alcolica) birra allo zenzero come la Reed o la Gosling.

Ingredienti: 

6 – 8 cucchiai (89- 118 cc circa) di salsa butterscotch (a seconda di quanto dolce vi piaccia);
3 tazze (708 cc) di sidro di mele;
1 tazza ( 236 cc) di Bourbon whisky (opzionale);
2 tazze (472 cc) di birra allo zenzero;
Panna montata, per guarnire

Preparazione:

Scaldate il sidro, il bourbon e lo sciroppo di butterscotch in una padella media fino a che il butterscotch non si dissolve e la mistura è calda fumante. Rimuovetela dal fuoco e mescolare nella birra allo zenzero. Con un mestolo versatela in delle tazze e servite con abbondante panna montata sopra. Ora siete pronti per rilassarvi! Per creare l’atmosfera giusta potete anche tirare fuori scopa, scopettone e aspirapolvere in mancanza dei tre manici di scopa. Non è il massimo, ma questo è quello che offre il mondo babbano. Evitate sbaciucchiamenti davanti a Ron però…

Ora che vi siete riposati, controllate di nuovo se Errol è arrivato. Neanche lui può metterci così tanto. Ancora niente? Beh… che dire. Rassegnatevi alla triste realtà e ammettete al mondo che siete solo dei babbani col pallino della magia. Per tirarvi un po’ su di morale vi propongo un ultimo drink magico, che magari non vi farà acquisire i poteri ma forse un mal di testa per scordare il problema sì.

2. Whiskey Incendiario – Firewhiskey

Ingredienti:

30 cc di  whisky;
15 cc di grappa alla cannella;
Uno spruzzo di rum Bacardi 151

Preparazione:

Aggiungete il whisky e la grappa alla cannella allo shaker con del ghiaccio. Agitare fino a che non si fredda. Mettere il tutto in un bicchierino per shot. Aggiungete il rum e date fuoco (Mi raccomando! Considerando che siete dei maghi ma solo dentro di voi, forse è il caso di spegnere il fuoco prima di berlo). Questo cocktail è quello più in voga nel mondo magico ma, dato l’elevato livello alcoolico, ne è vietata la vendita a tutti i maghi (e anche ai babbani) minorenni. Non ci provate quindi giovani fanciulli perché Silente in persona ha provveduto a impedire che vi avviciniate a questo drink se non possedendo l’età giusta!

La vostra avventura da mago per un giorno si conclude qui, per ora. Quindi, prima di andare, ricordate di dire “Fatto il misfatto!”. Non vorremmo che chiunque venisse a conoscenza delle ricette per le vostre pozioni!

1. E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO