Origini segrete: recensione del film Netflix spagnolo

La recensione di Origini segrete, il film Netflix spagnolo che unisce thriller e mondo dei supereroi in una particolare commedia d’azione

Origini segrete (Origenes secretos) va a rimpolpare la vasta gamma di proposte spagnole Netflix, portando sulla piattaforma streaming l’adattamento dell’omonimo romanzo scritto da David Galán Galindo, che ha poi diretto anche il film. La vicenda è ambientata nella Madrid contemporanea, dove un serial killer che semina il caos in città, mietendo vittime apparentemente senza nesso, ma i cui delitti sono ispirati alle prime apparizioni di noti personaggi dei fumetti. Cosme è il miglior detective del commissariato locale, ma presto dovrà andare in pensione, pur contro la sua volontà. Ad affiancarlo c’è il giovane ed impulsivo David, pronto a subentrargli in futuro. I due restano invischiati nella ricostruzione del terribile gioco portato avanti dal misterioso assassino, del quale dovranno ricostruire l’identità, in un puzzle di indizi che si rifà al mondo delle graphic novel. In questo vengono aiutati dal figlio di Cosme, Jorge Elìas, un nerd proprietario di un negozio di fumetti, e da Norma, il capo del dipartimento di polizia, grande appassionata di manga e cosplay nel tempo libero.

Origini segrete gioca col poliziesco anni ’90 unendolo al mondo dei fumetti

Il film per l’impianto di fondo, con la coppia di detective e gli omicidi seriali collegati a particolari modalità, rimanda la mente a Seven, rappresentandone una sorta di rivisitazione in salsa comedy e legata al mondo dei supereroi.  Il film spagnolo è infatti un’originale miscellanea tra il mondo poliziesco e quello supereroistico, che si sviluppa partendo da una base thriller sulla quale si innesta la componente legata al mondo fumettistico. Ne nasce un lavoro estremamente godibile, costruito con un taglio fuori dagli schemi, che cerca di dare nuova linfa a dei filoni abbastanza abusati, riuscendo in poco più di un’ora e mezza – durata quanto mai adeguata al mantenimento dell’efficacia  – a sorprendere piacevolmente e a trasportare all’interno della sua assurdità.

Origini segrete non è sempre pienamente incisivo nella parte comica ma riesce a coinvolgere e divertire

origini segrete

È costruito con un buon equilibrio  tra le parti più violente e quelle più ironiche, anche se va sicuramente evidenziato un limite nella parte comica che riduce leggermente l’esito finale. Se i momenti in cui vengono presentati gli omicidi e gli scontri durante le indagini hanno un’efficacia adrenalinica molto appagante, le battute non sono sempre perfettamente incisive e cadono in qualche forzatura e in qualche cliché. Ciò nonostante l’insieme funziona, si resta coinvolti e si sorride, con vari momenti ispirati ed un intrattenimento nel complesso azzeccato e divertente.  È evidente che non parliamo di un capolavoro memorabile, ma siamo sicuramente di fronte ad un lavoro che unisce in maniera soddisfacente il lato pop del mondo nerd con il fascino della caccia ai serial killer.

Il film di David Galán Galindo nonostante qualche limite risulta un prodotto d’intrattenimento particolare e riuscito

Origini segrete ha il pregio di non prendersi eccessivamente sul serio e per questo riesce a superare anche alcune sue forzature e alcuni suoi limiti – come il serial killer che non ha una caratterizzazione pienamente strutturata e un solido background o il mancato approfondimento di alcune logiche che stanno dietro ai protagonisti  – dimostrandosi un film discretamente accattivante, infarcito con qualche buon sentimento e alcuni spunti – per quanto semplici – inerenti il bullismo, gli stereotipi sociali, i rapporti familiari e le conseguenze del passato di ognuno di noi.  Sotto il profilo tecnico ed estetico poi, il lavoro spagnolo si presenta con una confezione di buona fattura, diretto in maniera pulita e curato nelle immagini, grazie ad una fotografia dai colori accesi che si sposa ottimamente col taglio fumettistico, supportato anche da costumi  dal design appagante.  Gli attori (noti in Spagna) riescono a rafforzare a loro volta l’efficacia del lavoro, con una discreta verve, non offrendo prestazioni eclatanti ma calandosi in maniera convincente nelle parti.

In definitiva Origini segrete si dimostra essere un’opera che si discosta molto dai canonici tipici del cinema spagnolo – almeno per come l’abbiamo conosciuto sinora su Netflix – portando nel catalogo  del colosso dello streaming un film sui generis, dal ritmo frizzante e dinamico, non privo di difetti, ma assolutamente coinvolgente, ricco di un piacevole citazionismo e perfetto per una visione che punti ad uno svago di buona qualità.
Origini segrete è disponibile su Netflix dal 28 agosto 2020.

Regia - 3
Sceneggiatura - 3.5
Fotografia - 3.5
Recitazione - 3
Sonoro - 3
Emozione - 3

3.2

Tags: Netflix

Articoli correlati