voto del pubblico 4.0/5
voto finale 2.9/5
Regia
Sceneggiatura
Fotografia
Recitazione
Sonoro
Emozione
vota il film ora!

Night Teeth è il terzo film di Adam Randall (I See You, disponibile su Prime Video), che pesca a piene mani dal genere vampiresco per ideare un titolo ambientato in una notte tra le strade di Los Angeles. Disponibile su Netflix da mercoledì 20 Ottobre, è la storia di uno studente universitario, Benny (Jorge Lendeborg Jr.), che lavora in nero come autista, dà un passaggio a due donne misteriose, Blaire (Debby Ryan) e Zoe (Lucy Fry), per una notte di festa attraverso Los Angeles. Ma quando scopre le loro intenzioni sanguinarie – e il loro pericoloso e oscuro mondo sotterraneo – deve combattere per rimanere vivo.

L’estetica che cattura personaggi primari e di contorno in Night Teeth

night teeth recensione film netflix cinematographe.it

Night Teeth di Adam Randall si apre con una colonna sonora elettronica e un’elegante estetica alla Grand Theft Auto. Mentre un’auto attraversa le strade buie di Los Angeles, è immediatamente evidente che il film sarà appariscente e ricoperto di un neon incandescente per tutta la durata. Randall e lo sceneggiatore esordiente Brent Dillon introducono il loro thriller vampiresco attraverso dettagliati ritratti della storia dei vampiri riflessi sulla cromatura dell’auto dalle luci della città. Un punto focale che viene trattato è il vero quartiere messicano/americano di Boyle Heights, che nel film è l’unico posto a Los Angeles dove i vampiri sono proibiti a causa di una tregua fatta alcuni anni fa. Ma un vampiro, Victor (Alfie Allen), alla ricerca di potere, rompe la tregua e provoca una guerra, non solo tra umani e vampiri ma tra loro stessi.

Nel cast figurano anche due nomi altisonanti come Sydney Sweeney (Nocturne e The Voyeurs su Prime) e Megan Fox: apparizioni fugaci ma incisive che rappresentano parte di un microcosmo in espansione, che necessiterebbe di un ulteriore approfondimento con più storie dedicate al soggetto del film. I vampiri di Night Teeth sono ricchi, potenti e prevalentemente bianchi. Controllano tutto, e questo potere arriva fino alle forze dell’ordine e alla politica interna della città. Dividendo il loro territorio come i boss di una gang, i cinque vampiri più vecchi hanno tutto il territorio, mentre i vampiri più giovani sono semplicemente degli “intermediari” e degli emarginati. Alcuni umani come Jay (Raúl Castillo) e la sua banda a Boyle Heights conoscono i vampiri e sanno come ucciderli. Un personaggio come Victor è l’elemento scatenante, il catalizzatore; stufo di non avere alcun potere si avventura in Boyle Heights e causerà la rottura della tregua.

La scrittura del film si trascina a fatica mentre compaiono una serie di volti interessanti nella loro versione più conturbante

night teeth recensione film netflix cinematographe.it

Night Teeth è costruito intorno a una narrazione piuttosto generica del viaggio di potere, ma la scrittura del film mostra la sua forza nella caratterizzazione e nell’esposizione. Mentre ha alcuni intoppi, come il film che non riesce a spiegare perché Victor prende di mira Jay in particolare, siamo essenzialmente Benny, un protagonista impacciato e senza un carattere definito, con pochi indizi alla mano su ciò che sta accadendo, ma Dillon offre una sceneggiatura ben scritta che ci spiega come funziona questa società segreta e qual è l’obiettivo di Victor. Il dialogo a volte è un po’ debole, tuttavia, con alcune battute, come una parentesi dedicata ad un personaggio queer (Rocko di Alexander Ludwig) come un “freak”, che non sono necessarie. Dove il film si sente davvero come una commedia romantica è attraverso i flirt tra Benny e Blaire e la dolce connessione che formano. Sembra certamente poco realistico innamorarsi di un succhiasangue, ma Debby Ryan rende chiaro nella sua performance che Blaire ha ancora un po’ di umanità in lei, rispetto alla squilibrata Zoe.

Lendeborg Jr. porta un cuore comico al ruolo di Benny, un personaggio che sembra preferire rimanere nella sua zona di comfort al posto di esplorare il background dell’idea alla base di Night Teeth. Mostra un nervosismo che contrasta con Ryan e Fry come suoi passeggeri assetate di sangue. Hanno uno sguardo minaccioso e affamato nei loro occhi ed emanano una giocosa malizia. Ryan e Fry si prestano anche a degli stunt sorprendenti, facendo la maggior parte delle loro acrobazie da sole. Lasciando un bagno di sangue nella loro scia, non riusciamo a vederle molto in azione fino alla fine del film, ma quando arrivano quelle scene, le star sanno come occupare la scena e con una grinta sempre rinnovata. L’azione è sicuramente un punto culminante, ben coreografata e con l’uso di balestre che sparano fulmini, creando un effetto visivo accattivante, proprio di un tocco unico e fresco. Il setting, le atmosfere, la regia vorticosa e il duo di protagoniste ben selezionate possono offrire del sano intrattenimento per una durata non proprio contenuta e ordinata, mentre si desidera molto di più da un nuovo talento come Adam Randall, a dirigere produzioni più importanti.