Natale a Londra – Dio salvi la Regina: recensione

Da leggere

Bob Odenkirk starà bene dopo il ricovero in ospedale, assicura il figlio

Secondo suo figlio, Bob Odenkirk starà bene e si sta riprendendo dopo essere stato ricoverato in ospedale a causa...

Il Signore degli Anelli: le pressioni subite dal regista sulla trama

Dominic Monaghan (Merry nella trilogia de Il Signore degli Anelli) afferma che Peter Jackson ha subito pressioni dai produttori. Il...

Outer Banks – Stagione 2: recensione della serie tv Netflix

Un anno dopo la prima stagione, esordita durante il lockdown della primavera scorsa, ritroviamo su Netflix le calde e...

Se Natale al Sud del regista esordiente Federico Marsicano ha avuto un discreto successo, guadagnando un terzo posto costante al box office italiano durante le prime settimane, Natale a Londra- Dio salvi la Regina di Volfango De Biasi, potrebbe lasciare un segno significativo, a partire dalla sua prima uscita prevista per il 15 dicembre.

Sfida o no tra le due grandi produzioni, Filmauro e Medusa, in lotta da anni per il titolo del miglior cinepanettone, è da ammettere che per il momento Natale a Londra è il prodotto più vicino, in termini di comicità, a un classico cinepanettone italiano, un genere oramai dimenticato. Anche in questo caso però, di cinepanettone in senso stretto non se ne può parlare propriamente. Come Natale al Sud, Natale a Londra della festività del 25 dicembre, di per sé, conserva solo il nome e qualche piccolo addobbo “made in London”.

Natale a Londra – Dio salvi la Regina: la comicità del classico cinepanettone?

Natale a Londra - Dio salvi la ReginaLa storia difatti, parte sì da una vacanza che vede come protagonisti una coppia di fratelli, interpretati da Lillo & Greg, ma converge in un’avventura happy ending, in una missione – (quasi) pari alle Mission Impossible di Tom Cruise: rapire i preziosissimi Corgi della Regina Elisabetta al Buckingham Palace. Un colpo studiato per riscuotere una somma di denaro volta a coprire gli enormi debiti di un ristoratore italiano “U’Barone” (Nino Frassica), amico del padre dei due fratelli Prisco ed Erminio, interpretati per l’appunto dai comici romani. Per riuscire nel compito, i due dovranno affidarsi ad un team grottesco composto da uno chef pluripremiato (Paolo Ruffini), delinquenti robotizzati e maghi improvvisati, i quali arricchiranno la linea narrativa con gag e colpi di scena inaspettati.

Forse l’accoppiamento vincente dei personaggi o forse una nuova storia che ruota intorno a stili innovativi per il genere di film, rendono Natale a Londra una sfida ambiziosa ed intrigante che rinnova in qualche maniera la formula delle pellicole natalizie che siamo abituati a vedere, portandola ad un livello superiore. È indispensabile unire un cast che possa combinarsi perfettamente dando vita a una comicità adatta a ogni tipo di pubblico.

Con Natale a Londra – Dio salvi la Regina De Biasi e De Laurentiis sono riusciti nell’intento, gli alti e bassi di Lillo & Greg simbiotici e puntuali, guidano interattivamente la narrazione alternandosi a un impacciato Paolo Ruffini e alla presenza degli Arteteca, commedianti napoletani emersi con il programma televisivo Made in Sud. Sono proprio loro, Enzo Iuppariello e Monica Lima (Arteteca, coppia anche nella vita) a sgonfiare la continuità narrativa ad ogni ingresso in scena portante di battute in napoletano. Il loro egocentrismo, a volte, tende a stonare con il restante contesto e “annoia” lo spettatore che si trova ad assistere a una scena già vista.

Natale a Londra - Dio salvi la Regina: prime foto e video backstage dal film con Lillo e GregTralasciando alcuni sviluppi surreali di sceneggiatura, perchè anche qui vi sono stravaganze (come non citare il battello su un “Tamigi” tutto romano), Natale a Londra è una sintesi dei precedenti successi della Filmauro, Un Natale Stupefacente e Natale col Boss. Dal primo, senza alcun dubbio, riprende l’umorismo e dal secondo il carattere d’azione a tratti noir.

Nel complesso Natale a Londra – Dio salvi la Regina si prospetta un viaggio italo – inglese di gusto, una commedia “all’italiana” che lascia allo spettatore una goccia di amaro in bocca sopratutto quando affronta, seppur in minima parte, il rapporto conflittuale e amorevole al contempo stesso, tra padre e figlio.

Ultime notizie

Bob Odenkirk starà bene dopo il ricovero in ospedale, assicura il figlio

Secondo suo figlio, Bob Odenkirk starà bene e si sta riprendendo dopo essere stato ricoverato in ospedale a causa...

Articoli correlati