Maltese – Il romanzo del commissario

La coproduzione Rai Fiction – Palomar in collaborazione con Maze Pictures ZDF Enterprises e Dramedy Productionsl, lancia a partire dall’8 maggio una miniserie avente come protagonista un grande attore del panorama italiano: Kim Rossi Stuart, che fa così ritorno sul piccolo schermo.

Maltese – Il Romanzo del commissario: Kim Rossi Stuart torna in tv dall’8 maggio

Dopo quasi tredici anni dedicati al cinema e alla regia, Stuart torna in tv con Maltese – Il romanzo del commissario, una serie che racconta le gesta eroiche di un personaggio che racchiude in sé il talento e il coraggio di tanti investigatori esistiti realmente che hanno dedicato la propria vita alla lotta contro la criminalità. Per la regia di Gianluca Maria Tavarelli (Il giovane Montalbano), Maltese – Il Romanzo del commissario oltre a Kim Rossi Stuart un cast ben articolato composto da Rike Schimid, Francesco Scianna, Antonio Milo e Valeria Solarino protagonisti di una Sicilia anni ’70 torturata da una criminalità organizzata sulle sfumature di un avvincente poliziesco dalle venature del giallo e del noir.

Il personaggio di Dario Maltese, interpretato da Kim Rossi Stuart, incarna l’emblema simbolo di un commissario alle prese con la criminalità e vittima, al contempo, di un passato mai risolto.

Un uomo col “sangue freddo”, coraggioso, che torna nella sua città natale, Trapani, per un evento da festeggiare (il matrimonio del suo migliore amico) ed invece si trova di fronte all’inizio di un incubo destinato a far tornare a galla questioni del suo passato non ancora risolte.

Maltese – Il romanzo del commissario si colloca nel classico genere poliziesco italiano, ma vi si discosta poiché racconta una storia che racchiude vite di tanti commissari realmente esistiti, riprendendo caratteri anche di icone cinematografiche come il Commissario Cattani della Piovra.

Maltese – Il Romanzo del commissario: TRAMA

Trapani 1976. La mafia accresce in questo periodo grazie al traffico di eroina. Un cambiamento che dà inizio a una sanguinosa guerrà il nostro Paese negli anni a seguire. Il commissario Maltese è l’uomo che si trova da solo a combattere contro qualcosa di “apparentemente” inesistente. Il lavoro si farà sempre più estenuante e l’unica gioia di vita sarà sua figlia Noa, con la quale, dopo un periodo di lontananza si ritroverà. Pur di riuscire a trovare il movente dietro l’assassino di Gianni, commissario di Trapani e suo migliore amico, Maltese metterà a repentaglio la propria vita al costo di fare i conti con un passato collegato alla sua famiglia.

Una fiction poliziesca che si colloca come un altro ottimo prodotto targato Rai, la cui regia viene affidata a uno dei registi più interessanti nel mondo del piccolo schermo, Gianluca Maria Tavarelli il quale, attraverso un lavoro parsimonioso e vigile, cura ogni piccolo dettaglio partendo dalle splendide riprese di Trapani, (che finisce per essere lo sfondo perfetto per caratterizzare i personaggi) e finendo su una fotografia colorata ed interattiva come denotano i numerosi time lapse.

Una regia senza dubbio influenzata dall’ultimo lavoro del regista.

La contaminazione del giovane Montalbano si sente, ma il protagonista di Maltese si allontana dal suddetto prodotto per il suo atteggiamento più elegante e misterioso che lo definisce un eroe e anti eroe, una vittima di uno Stato corrotto come lo sono stati alcune importanti icone simbolo della lotta contro la mafia. Borsellino, Falcone e Ninni Cassarà sono le anime del Maltese, da cui lo stesso Kim Rossi Stuart si è liberamente ispirato.

Ma se Maltese – Il romanzo del commissario può definirsi una buona fiction il merito è anche delle musiche volte a creare maggiore atmosfera all’interno di un “romanzo” narrante vicende di uomini veri, spiriti liberi e portatori di valori.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto