GIUDIZIO CINEMATOGRAPHE - FILMISNOW

VOTA IL FILM ORA!

4

MEDIA VOTI PUBBLICO

Quanto è cambiata San Francisco dagli anni ’60? Questa è la domanda posta ad Anna Madrigal all’inizio della serie e sarà l’implicita domanda che ci porteremo dentro per tutte e dieci le puntate. Tales of the City è il commovente, erotico e spassoso revival della serie del 1993 basata sui romanzi di Armistead Maupin, un’opera che è molto più che un semplice racconto di finzione: Barbary Lane è stato, ed è ancora, molto più che un luogo di appartenenza, è salvezza, sicurezza, condivisione e comunità, è a tutti gli effetti la prima vera casa di generazioni di persone LGBTQ+.

Mary Ann (Laura Linney) torna a San Francisco per il 90° compleanno di Anna Madrigal; Mary Ann torna a San Francisco più anziana, triste, non più saggia come sempre. Si ricongiunge alla figlia Shawna (Ellen Page) e all’ex marito Brian dopo averli abbandonati per vent’anni per dedicarsi alla propria carriera. Mary Ann una volta li dovrà affrontare oltre che una terribile crisi di mezza età anche il giudizio e i dissapori della propria famiglia adottiva, composta da una nuova generazione di giovani queer e dall’inossidabile e granitica Anna Madrigal.

Tales of the City cinematographe.it

Tales of the City: la serie TV Netflix con Laura Linney

Quando Armistead Maupin ha iniziato a scrivere Tales of the City i suoi racconti sulla vita a San Francisco erano centrati su ragazza del Midwest molto ingenua ed eterosessuale, Mary Ann Singleton, una figura di point-of-entry per i lettori e gli spettatori. I tempi sono cambiati, sia per Mary Ann che per le storie LGBTQ+ in generale: Barbary Lane è la casa di una nuova generazione. La figlia adottiva di Brian e Mary Ann Shawna (Ellen Page) si prende cura del bar, Jake (Garcia) e Margot (May Hong), sono una coppia che sta cercando di ridefinire la loro relazione in seguito alla transizione di Jake, Michael vive ancora nella sua stanza a Barbary Lane ed è fidanzato con un ragazzo molto giovane, Ben, e c’è una nuova arrivata, Claire, una ragazza che si aggira nel quartiere sperando di fare un documentario su Anna e sulla trasformazione della città negli ultimi 50 anni.

Tales of the City: il trailer ufficiale della serie con Ellen Page e Laura Linney

Tales of the City è stato ed è una serie pionieristica della rappresentazione queer mainstream, è uno spettacolo che vuole che le persone si sentano raccontate, prese in considerazione e incoraggiate, e lo fa includendo nella sua narrazione sia personaggi della vecchia generazione che della nuova. Tales of the City è molto più che un prodotto d’intrattenimento, è la testimonianza della vita intima di persone emarginate, prima e durante la crisi dell’AIDS, prima e dopo la durissima repressione che la comunità transgender subì da parte della società civile e della polizia negli anni ’60 e ’70.

Tales of the City cinematographe.it

Tales of the City è stato ed è una serie pionieristica della rappresentazione queer mainstream

Viene dato il giusto spazio anche ai problemi di oggi, dal punto di vista linguistico viene affrontato il problema della discriminazione e di come l’omofobia passi sempre attraverso il linguaggio, dalla poca conoscenza dei temi e delle problematiche LGBTQ+, ma Tales of the City è anche altro: è eredità, è comprensione, è sostegno, è un rifugio sicuro per una cerchia di anime perse. Lauren Morelli scrive e ricolloca l’avanguardia e il genio della serie originale attraverso i cambiamenti e il volto di un tempo diverso, che riesce ieri come oggi a raccontare in maniera genuina, autentica e beffarda la comunità queer, attraverso un’opera che è molto più che un semplice racconto di finzione. Ecco perché abbiamo bisogno di Tales of the City ora più che mai.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

PANORAMICA RECENSIONE
Regia
Sceneggiatura
Fotografia
Recitazione
Sonoro
Emozione