Il nostro pianeta: recensione della docuserie Netflix

Il nostro pianeta, docuserie Netflix di Alastair Fothergill, riesce nell'impresa di mostrare le meraviglie e il tesoro naturalistico del pianeta Terra.

Nel 2016 Leonardo DiCaprio, durante il suo discorso di ringraziamento agli Oscar per la vittoria come miglior attore per Revenant – Redivivo, rimarcò a chiare lettere che il cambiamento climatico è un fenomeno reale: “Sta accadendo in questo momento ed è la minaccia più urgente per tutta la nostra specie. Cerchiamo di non dare questo pianeta per scontato.” Il nostro pianeta è in pericolo, sta cambiando e, che lo vogliamo ammettere o no, i cambiamenti climatici e lo scioglimento dei ghiacciai, come anche lo sbiancamento dei coralli e l’estinzione di molte specie di animali, sono il tragico promemoria dell’impatto dannoso che gli umani hanno avuto su questo pianeta.

Questa consapevolezza pone le basi per Il nostro pianeta, docuserie originale Netflix diretta da Alastair Fothergill, che riesce nell’impresa di mostrare le meraviglie e il tesoro naturalistico del pianeta Terra, denunciando quali sono gli effetti drammatici del surriscaldamento globale, attraversando le pianure dell’Africa fino alle lussureggianti foreste pluviali dell’America del Sud, dal Polo Nord al Polo Sud. Suddivisa in 8 episodi e narrata da David Attenborough, Il nostro pianeta celebra la magnificenza e la ricchezza delle specie di animali che abitano diversi ambienti e territori del nostro mondo, come foche e pinguini in Antartide, elefanti nel deserto in Namibia, bisonti nelle praterie americane, cercando di educare il pubblico su come vengono distrutti gli ecosistemi della Terra e di informarli sui modi migliori per proteggerli.

Il nostro pianeta

Il nostro pianeta: la docuserie originale Netflix

Il lavoro documentaristico realizzato da Fothergill offre immagini inedite della flora e fauna selvatica e dei loro habitat, un progetto ambizioso durato 4 anni che è stato girato in 50 paesi di tutti i continenti: ogni episodio regala sequenze meravigliose mai filmate prima d’ora. Il lavoro fotografico che è stato realizzato toglie il fiato, unito anche ad un sapiente uso della macchina da presa, che predilige l’uso di droni e riprese video in elicottero. Ma ciò che è sorprendente è la scelta di raccontare la storia naturale e animale nel dettaglio, scandagliando le forme e le azioni di ogni singola creatura a partire dalle formiche alle api: qui la macrocinematografìa è totalmente al servizio del ciclo naturale della vita terrestre, un lavoro immersivo nel mostrare l’effetto generale che l’uomo ha su queste creature e sulla Terra.

Il nostro pianeta

Il nostro pianeta è frutto di impegno, pazienza e osservazione, che dopo anni di riprese ci permette di conoscere specie di animali esotici, e non solo, e di come essi riescano a sopravvivere, a nutrirsi e a sedurre, in alcuni casi, i loro partner. Ad esempio alcuni uccelli maschi in Papua Nuova Guinea hanno rituali di accoppiamento singolari: c’è chi solletica il viso del suo partner, c’è chi invece si assicura che il suo angolo della giungla sia perfettamente pulito. Grazie alle incredibili riprese possiamo vedere momenti unici della vita di animali esotici: si può osservare come i fenicotteri in Tanzania viaggiano per chilometri con i loro cuccioli per trovare l’acqua attraverso nocive e spesso letali pianure salate e deserte.

La serie fa un lavoro fantastico nel mostrare anche cosa sta accadendo nel profondo mare e nelle acque dolci, denunciando lo sbiancamento dei coralli, un fenomeno distruttivo che può portare ad una cosa, ovvero la perdita della casa per la maggior parte dei pesci, che a sua volta può portare ad un’altra cosa, ovvero la mancanza di cibo per gli squali, e che a sua volta può portare ad altre nocive conseguenze per la Terra.

Il nostro pianeta

Un progetto incredibile che non potrà lasciare indifferenti

Il riscaldamento globale colpisce le barriere coralline e i loro ecosistemi, ma colpisce e debilita il ciclo naturale di moltissimi altri animali come gli orsi polari, le tigri siberiane, le sule peruviane e i licaoni del Serengeti e tantissime specie animali che vengono private di cibo, acqua, di un rifugio: l’effetto che produce questo documentario è far emergere la realtà delle cose, con riprese convincenti per sostenere le sue osservazioni e la sua denuncia. Il nostro pianeta è girato magnificamente, un lavoro incredibile, mozzafiato, uno dei migliori documentari sulla natura mai realizzati che non potrà lasciare indifferenti.

Regia - 5
Fotografia - 5
Sonoro - 5
Emozione - 5

5

Tags: Netflix

Articoli correlati