Zombieland - Cinematographe.it

Amazon ritirò la serie in breve tempo, tuttavia, racconta il creatore Rhett Reese, Zombielend: doppio colpo contiene gli stessi toni del pilot fallito

Ci fu una volta in cui la Sony provò a cavalcare il successo di Zombieland nel tentativo di lanciare una serie tv altrettanto efficace del cult. I creatori del franchise cinematografico Rhett Reese e Paul Wernick hanno scritto un pilot televisivo e in poco tempo, Amazon Studios ha iniziato la produzione della serie. Rilasciato sulla piattaforma nell’aprile 2013, Amazon ha poi impiegato solo poche settimane per decidere che non avrebbe ordinato lo spettacolo in serie.

Zombieland: Doppio Colpo – tutti gli easter eggs del film

Anni dopo Reese, Wernick e il cast originale sono tornati a girare il sequel di Zombieland: doppio colpo, che da allora ha ottenuto recensioni molto migliori. Tuttavia, Reese pensa che il fallito progetto televisivo sia stato un “peccato” e, in una recente intervista a LRM, ha dichiarato:

Penso che ci sia un po’ di impollinazione incrociata [tra lo show e Zombieland: doppio colpo] ma non tanto quanto pensi. Non volevamo prendere in prestito da qualcosa che era già stato trasmesso. Che in realtà è andato in onda su Amazon per un paio di mesi, quindi la gente lo aveva già visto, quindi non volevamo prendere in prestito uno dall’altro troppo pesantemente. Detto questo, tutto proviene dalla stessa tramoggia di idee, come se avessimo applicato lo stesso tono, le stesse battute e tutta quella roba a quella serie tv. Nel caso in cui facessimo qualche altra versione di Zombieland, che si tratti di un altro film o di un musical di Broadway o qualsiasi altra cosa, continueremo a prelevare dalla stessa fonte di idee. Ma no, ci siamo divertiti a farlo. È stato un peccato che non sia stato trasmesso oltre il pilot, ma si fa ciò che si può.

SPECIALE OSCAR 2020
Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto


LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE