Dopo una tragedia familiare, Zack Snyder ha abbandonato la regia di Justice League insieme alla moglie dopo la morte di sua figlia. Il film è attualmente in post-produzione. Hollywood Reporter ha riportato la notizia oggi quando lo stesso Zack Snyder ha tenuto un incontro con Warner Bros. Il regista ha detto che stava prendendo tempo per allontanarsi dal suo lavoro dopo la tragedia per trascorrere del tempo con i suoi cari.

“Nella mia mente, ho pensato che fosse una cosa catartica per tornare a lavoro” ha detto Snyder mentre sua moglie Deborah era seduta accanto a lui. “Le richieste di questo lavoro sono piuttosto intense. E negli ultimi due mesi sono arrivato alla realizzazione … ho deciso di fare un passo indietro dal film per stare con la mia famiglia, stare con i miei figli, che ne hanno davvero bisogno. Sono tutti in difficoltà. Sto avendo difficoltà anche io.”

Zack Snyder abbandona Justice League dopo il suicidio di sua figlia, ecco Joss Whedon al suo posto

“Quello che stanno attraversando è inimmaginabile e il mio cuore – i nostri cuori – sono con loro”, ha detto Toby Emmerich, presidente di Warner Bros. Pictures. Lo studio ha continuato a dire che è completamente d’accordo con il permesso concesso a Snyder per il film .

Con Justice League ormai in post-produzione, resta ancora un lavoro da fare sulla funzionalità della pellicola. Come tale, è stato annunciato che Joss Whedon riempirà il buco lasciato da Snyder. Warner Bros. ha detto che inizialmente avrebbe voluto rimandare l’uscita del film, ma i Snyders non erano soddisfatti dell’idea. Al contrario, il duo ha scelto di togliersi da qualsiasi incombenza anzitempo per concentrarsi sulla propria vita familiare e personale.

I fan non sono stati informati da Snyder e della tragedia in corso della sua famiglia per tenere lontano l’occhio del pubblico dall’esperienza personale. La figlia del regista Autumn Snyder si è suicidata a marzo. La studentessa di vent’anni frequentava l’università di Saint Lawrence, e la famiglia ricordava la ragazza come una che amava scrivere. “Voglio che il film sia incredibile e io sono un fan” dice. “So che i fan saranno preoccupati per il film, ma ci sono sette altri ragazzi che ne hanno bisogno , “Ha ammesso Snyder”. Alla fine, è solo un film, è un grande film, ma è solo un film”.

“Ecco, non ho mai pensato di rendere pubblica questa cosa”, ha continuato. “Pensavo che sarebbe rimasta solo nella famiglia, una questione privata, nel nostro dolore privato che avremmo affrontato da soli. Quando tutto è diventato evidente allora ho capito che dovevo prendere una pausa, sapevo che ci sarebbero state chiacchiere su internet. Faranno quello che dovranno fare. La verità … ora passo a prendermi cura della mia famiglia”.

I nostri pensieri e desideri sono con Snyder e con i suoi cari in questo momento difficile.