Woody Allen contro la docuserie Allen v. Farrow: “Non hanno alcun interesse per la verità”

Woody Allen e sua moglie Soon-Yi Previn hanno rilasciato una dichiarazione in risposta alla docuserie della HBO Allen v. Farrow, ritenuta falsa.

Da leggere

Johnny Depp a Roma: mi trattavano come un “prodotto”, io volevo essere Bugs Bunny

Sarebbe opportuno domandare alla bravissima interprete di Johnny Depp cosa si provi ad essere, per una sera, la persona...

Aquaman 2: Black Manta è protagonista di una nuova foto dal set

Il villain Black Manta, interpretato da Yahya Abdul-Mateen II è il protagonista della nuova foto tratta dal set di Aquaman...

Jessica Chastain mostra come mangiare gli spaghetti in un video tutorial imperdibile

Jessica Chastain, in occasione del National Pasta Day, ha pubblicato su Instagram un breve tutorial sul corretto metodo con...

Block title

Woody Allen e Soon-Yi Previn hanno risposto al documentario Allen V. Farrow della HBO: “Questi documentaristi mettono insieme un lavoro pieno di falsità”

Woody Allen e sua moglie Soon-Yi Previn hanno rilasciato una dichiarazione alla stampa tramite una portavoce – la sorella di Allen, la produttrice Letty Aronson – in risposta alla docuserie della HBO Allen v. Farrow (QUI il trailer) che è stata mostrata in anteprima domenica. Il programma descrive in dettaglio le accuse mosse contro il regista da parte della ex moglie Mia Farrow, riguardanti presunti abusi sessuali ai danni della figlia Dylan Farrow, allora una bambina di 7 anni, e include delle approfondite interviste con Mia Farrow e con coloro che affermano di aver assistito al suo comportamento.

Allen e Previn affermano che i realizzatori della serie – Kirby Dick e Amy Ziering – non avevano “alcun interesse per la verità” e stavano “collaborando di nascosto” con i Farrow per fare un “lavoro pieno di falsità”. Nella docuserie divisa in quattro parti, che contiene interviste con i membri della famiglia Farrow, nonché con stretti amici di famiglia ed esperti della vicenda, Dylan Farrow dice che “per molto tempo ho cercato di mettere le cose in chiaro. Non importa quello che pensi di sapere, è solo la punta dell’iceberg”.

La produttrice di Allen v. Farrow Amy Herdy ha detto a Variety che ha iniziato a cercare di entrare in contatto con Woody Allen diversi anni fa, dandogli la possibilità di apparire nella docuserie tramite un’intervista. “Ho contattato il suo rappresentante un paio di volte per cercare di intervistarlo. So che hanno ricevuto la mia richiesta, perché la sua assistente al telefono mi ha detto che le mie e-mail le avevano ricevute”. Era il 2018. Nella dichiarazione la portavoce del celebre regista newyorkese ha invece scritto che sono stati contattati “solamente due mesi fa” e che hanno avuto “pochi giorni per rispondere”.

Woody Allen, Soon-Yi Previn

Ecco la dichiarazione completa di Allen e Previn:

Questi documentaristi non avevano alcun interesse per la verità. Invece, hanno trascorso anni a collaborare di nascosto con i Farrow e i loro aiutanti per mettere insieme un lavoro pieno di falsità. Woody e Soon-Yi sono stati contattati meno di due mesi fa e hanno avuto solo pochi giorni per rispondere. Ovviamente si sono rifiutati di farlo. Come è noto da decenni, queste accuse sono categoricamente false. Diverse agenzie hanno indagato su di loro in quel momento e hanno scoperto che, qualunque cosa Dylan Farrow potesse essere stata indotta a credere, non si erano mai verificati abusi. Purtroppo non sorprende che la rete che trasmetterà questo film sia HBO, che ha un contratto di produzione e rapporti commerciali con Ronan Farrow. Anche se questo prodotto scadente può attirare l’attenzione, non cambia i fatti.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Johnny Depp a Roma: mi trattavano come un “prodotto”, io volevo essere Bugs Bunny

Sarebbe opportuno domandare alla bravissima interprete di Johnny Depp cosa si provi ad essere, per una sera, la persona...

Articoli correlati