Venezia omaggia Federico Fellini

Da leggere

Laura Antonelli: la vita da sex symbol e la morte prematura per infarto, apice di un lungo dramma personale

È stata l'attrice sex symbol del cinema italiano degli anni settanta, rivestendo i panni di protagonista di numerose pellicole...

The Suicide Squad: James Gunn svela il motivo dell’assenza del Joker

In una recente intervista, James Gunn ha rivelato il motivo per cui ha preferito non utilizzare il Joker per...

Spider-Man: No Way Home – JK Simmons ha imposto il ritorno al look originale per J. Jonah Jameson

JK Simmons ha dovuto lottare perché il personaggio di J. Jonah Jameson tornasse in Spider-Man: No Way Home con...

Block title

FelliniIl Lido di Venezia si prepara a rendere omaggio al grande Federico Fellini.  Lunedì 1 settembre 2014 alle ore 16.00, presso l’Hotel Excelsior, nello Spazio della Fondazione Ente dello Spettacolo (Sala Tropicana 1) ci sarà l’inaugurazione della mostra gratuita Sotto casa di Federico dell’artista Roberto Di Costanzo.

Una serie di opere a inchiostro di china dedicate ai film più rappresentativi del regista romano si potranno visionare fino al 6 settembre.
Una data importantissima, visto che nello stesso giorno del 1954, al Festival del Cinema, veniva presentata “La Strada”, che confermò Fellini uno dei più grandi registi a livello internazionale.

Amante dell’arte, che considerava uno strumento d’indagine e consolazione ironico e pungente, viene celebrato in ogni spiraglio cinematografico e artistico. De Costanzo insegue con raffinata eleganza gli echi indelebili della Roma felliniana, da La dolce vita a Ginger e Fred, sino al recente richiamo di Paolo Sorrentino con La grande bellezza.

In punta di china si scorge soave il sogno di Federico Fellini.

Vincitore di quattro premi Oscar al miglior film straniero e nel 1993 Oscar alla carriera e due volte del Festival di Mosca (1963 e 1987), ha inoltre ricevuto la Palma d’oro al Festival di Cannes nel 1960 e il Leone d’oro alla carriera alla Mostra del Cinema di Venezia nel 1985.

La Strada Courtesy of @Roberto Di Costanzo

Questo progetto, avente il patrocinio della Fondazione Ente dello Spettacolo, del Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, della maison Pierre Cardin e delle Editions Nomades, prende vita nel maggio del 2014, al tavolo del ristorante vegetariano Il Margutta RistorArte di Claudio e Tina Vannini, proprio sotto la dimora del regista.

 

TERESA MONACO

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Laura Antonelli: la vita da sex symbol e la morte prematura per infarto, apice di un lungo dramma personale

È stata l'attrice sex symbol del cinema italiano degli anni settanta, rivestendo i panni di protagonista di numerose pellicole...

Articoli correlati