The Handmaid’s Tale, Margaret Atwood contro le leggi antiabortiste: “Il parto forzato è schiavitù”

Margaret Atwood, autrice di The Handmaid's Tale, parla delle leggi antiabortiste e condanna gli ultimi sviluppi sulla legge statunitense Roe vs. Wade

L’autrice di The Handmaid’s Tale Margaret Atwood continua a combattere l’oppressione dei diritti delle donne, mentre gli Stati Uniti (e il mondo con loro) si sono mobilitati per protestare contro la notizia che la Corte Suprema è pronta a ribaltare la legge sull’aborto Roe vs. Wade.

Le donne che non possono prendere le proprie decisioni sull’opportunità o meno di avere bambini vengono ridotte in schiavitù perché lo stato rivendica la proprietà dei loro corpi e il diritto di dettare l’uso a cui devono essere destinati i loro corpi”, ha scritto nel suo libro di saggi Burning Questions, estratto dal Guardian. “L’unica circostanza simile per gli uomini è la coscrizione in un esercito. In entrambi i casi, c’è un rischio per la vita dell’individuo, ma un coscritto dell’esercito è almeno provvisto di cibo, vestiti e alloggio. Anche i criminali nelle carceri hanno diritto a queste cose. Se lo stato impone il parto forzato, perché non dovrebbe pagare per l’assistenza prenatale, per il parto stesso, per l’assistenza postnatale e, per i bambini che non vengono svenduti a famiglie più ricche, per il costo dell’educazione del bambino?”

The Handmaid's Tale

Atwood è nota specialmente per aver scritto il romanzo distopico The Handmaid’s Tale (Il racconto dell’ancella in italiano), la storia su una donna diventata un’ancella di nome Difred (interpretata da Elisabeth Moss nell’adattamento televisivo di Hulu) nella Repubblica di Galaad. Difred esiste per servire il suo comandante e la sua sterile moglie, come schiava e incubatrice per i loro figli. Il “rituale” di concepimento a cui le ancelle vengono settimanalmente sottoposte è un vero e proprio stupro.

“Se uno sceglie di avere un bambino, questa è ovviamente una questione diversa. Il bambino è un dono, dato dalla vita stessa. Ma per essere un dono una cosa deve essere gratuitamente data e gratuitamente ricevuta. Un regalo può anche essere rifiutato. Un dono che non può essere rifiutato non è un dono, ma un sintomo di tirannia, ha aggiunto Atwood. “Diciamo che le donne ‘partoriscono’. E le madri che hanno scelto di essere madri partoriscono e lo sentono come un dono. Ma se non hanno scelto, la nascita non è un dono che fanno; è un’estorsione da parte loro contro la loro volontà”.

Le immaginarie ancelle di Margaret Atwood hanno ispirato le donne di tutto il mondo a protestare contro il patriarcato, presentandosi nelle piazze con indosso i celebri mantelli rossi.Nessuno obbliga le donne ad abortire. Nessuno dovrebbe costringerli a sottoporsi al parto. Imponi il parto se lo desideri, ma almeno chiamalo imposizione per quello che è. È schiavitù: la pretesa di possedere e controllare il corpo di un altro e di trarre profitto da tale pretesa”, ha concluso l’autrice.

Fonte: Deadline

Articoli correlati