Spike lee - cinematographe.it

Il regista Spike Lee ha pubblicato un potente cortometraggio intitolato 3 Brothers – Radio Raheem, Eric Garner and George Floyd

Il regista Spike Lee domenica 31 maggio ha pubblicato un nuovo cortometraggio, 3 Brothers – Radio Raheem, Eric Garner and George Floyd, una raccolta di scene del suo film del 1989 Do The Right Thing (Fa la cosa giusta) con la morte di Radio Raheem (interpretato dal compianto Bill Nunn) montate insieme ai video con le morti di Eric Garner nel 2014 e di George Floyd pochi giorni fa. I tre hanno in comune il fatto di essere morti in circostanze simili: trattenuti da un ufficiale della polizia per strada.

Il cortometraggio, che si apre con la domanda Will History Stop Repeating Itself? (ovvero: “La storia smetterà di ripetersi?”), è stato presentato in anteprima durante l’apparizione di Spike Lee nello special della CNN I Can’t Breath: Black Men Living and Dying In America, presentato da Don Lemon. Potete vedere il corto qui sotto, ma vi avvisiamo che potrebbe urtare la vostra sensibilità (su Twitter è accompagnato da un avviso per contenuti sensibili):

New York New York: il cortometraggio di Spike Lee che rende omaggio alla Grande Mela

Nel corso della sua carriera Spike Lee ha ricevuto 6 nomination e una vittoria agli Oscar per il documentario 4 Little Girls, per la sceneggiatura di Fa la cosa giusta e nelle vesti di produttore, regista e sceneggiatore per BlacKkKlansman, vincendone uno per l’ultima categoria. Nel 2003 ha ricevuto il Premio César alla carriera. Nel 2005 ha pubblicato la sua autobiografia, intitolata Questa è la mia storia e non ne cambio una virgola. Nel 2015 ha ricevuto il premio Oscar alla carriera per il contributo che ha dato al mondo dello spettacolo.

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE