Spaccapietre: trama e cast del film di Massimiliano e Gianluca De Serio

La trama e il cast principale di Spaccapietre, opera incentrata sul rapporto tra un padre e un figlio.

Spaccapietre è un film drammatico di Massimiliano e Gianluca De Serio presentato alla 77esima Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia e, quindi, distribuito dal 7 settembre 2020. Scopriamo la trama, il cast principale e qualche informazione in più sulla coppia di registi, parecchio apprezzati dalla critica.

Storia e attori

Spaccapietre trama cast Cinematographe.it

A seguito di un grave incidente riportato sul luogo di lavoro Giuseppe si trova senza occupazione. Suo figlio Antò sogna di diventare un archeologo e crede che l’occhio vitreo del genitore costituisca la “prova” di un superpotere. Sono rimasti soltanto loro due dal momento in cui Angela, moglie e madre adorata, è deceduta, stroncata da un malore mentre lavorava nei campi.

Privo di una sistemazione, obbligato a cercare impiego e asilo presso una tendopoli con altri braccianti stagionali, la sera Giuseppe ha comunque la forza di abbracciare Antò e raccontargli una storia. Gli ha garantito che riavrà la madre un giorno, ed è disposto a mantenere la parola data, qualunque sia il prezzo.  

Spaccapietre trama cast Cinematographe.it

Il cast principale di Spaccapietre è costituito da Antonella Carone (Angela), Samuele Carrino (Antò), Salvatore Esposito (Giuseppe), Licia Lanera (Rosa), Giuseppe Loconsole (Mimmo), Vito Signorile (Il Padrone).

Gianluca e Massimiliano De Serio, i registi di Spaccapietre, sono due artisti e registi, nati il 15 dicembre 1978 a Torino. Gemelli, portano avanti una collaborazione dal 1999. Durante la carriera hanno realizzato film, documentari e installazioni video, prendendo parte a mostre e festival di cinema. Il debutto sul grande schermo dietro la macchina da presa risale al 2011, quando presentarono Sette opere di misericordia.

In precedenza, avevano girato i documentari Ensi e Shade, L’esame di Xhodi, Bakroman, mentre, nel prosieguo, hanno proposto I ricordi del fiume, sempre un documentario. All’attivo contano pure diversi riconoscimenti per la florida produzione di cortometraggi.

Leggi anche Venezia 77 – Spaccapietre: recensione del film dei fratelli De Serio

Articoli correlati