Shining: un iconico oggetto di scena è in vendita all’asta!

Stiamo parlando di un vero e proprio simbolo indelebile del capolavoro di Stanley Kubrick!

Shining è sicuramente uno dei film più famosi della storia del cinema, uno di quei capisaldi che è difficile dimenticare con la sua carica ansiogena che riesce a permanere nonostante stiamo parlando di un titolo arrivato nelle sale nell’oramai lontano 1980. Tra gli elementi più noti del capolavoro di Stanley Kubrick (Arancia meccanica, Eyes wide shut) che rimane intramontabile nella memoria c’è l’iconica ascia che brandisce il protagonista Jack Torrance (incarnato da Jack Nicholson) mentre tenta (per fortuna invano) di uccidere sua moglie Wendy (Shelley Duvall). Ebbene, per fortuna (o per sfortuna, vedete voi) tale oggetto è possibile acquistarlo per la propria casa!

Shining

Come riportato da Screen Rant, infatti, il sito Gotta Have Rock and Roll ha messo all’asta proprio tale strumento di morte alla modifica cifra di partenza di 50.000 dollari (su una cifra stimata che si aggira tra 60.000 e i 90.000 dollari). A testimoniare che effettivamente si tratta proprio dell’ascia usata all’interno di Shining c’è presente una lettera di autenticità e una serie di immagini tratte proprio dalle pellicola, compresa uno che riprende l’enigmatico finale del titolo. Che dire? Se siete veramente appassionati del lungometraggio e avete parecchi soldi questa è decisamente l’occasione giusta per fare l’acquisto della vita.

Shining, scritto e diretto da Stanley Kubrick che ha adattato l’omonimo romanzo del leggendario Stephen King (Carrie, Pet Sematary) vede la produzione di Warner Bros., Hawk FilmsPeregrine ProductionsThe Producer Circle Company con un cast composto anche da Danny LLoyd nella parte di Danny Torrance, Scatman Crothers che incarna Dick Hallorann, Barry Nelson che interpreta Stuart Ulman, Philip Stone (Delbert Grady) e molti altri ancora. Vi ricordiamo che la realizzazione è arrivata nei cinema italiani il 22 dicembre 1980.

Leggi anche Shining, il dramma dell’attrice Shelley Duvall: “Se ripenso a quel film ho gli incubi”

Articoli correlati