Rutger Hauer e il segreto di quel breve monologo di Blade Runner, entrato nella storia del cinema

Perché il discorso di Rutger Hauer in Blade Runner è entrato nella storia del cinema?

Da leggere

Quanto guadagna Ridley Scott? Il patrimonio del regista, fuoriclasse della settima arte

Ridley Scott è un regista e produttore cinematografico inglese, con un patrimonio netto di 400 milioni di dollari. Nel...

La Pescatora: recensione del cortometraggio di Lucia Loré

La Pescatora è il nuovo cortometraggio diretto scritto ed interpretato da Lucia Loré (La Santa, Immaginare T), un progetto...

Cosa vedere su Amazon Prime Video a dicembre 2021? Tutti i film e le serie TV in catalogo

Il mese di dicembre 2021 Amazon Prime Video offre, primi fra tutti, dosu-serie e docu-reality, almeno per quarto riguarda...

Block title

Uscito al cinema nel 1982, Blade Runner è un cult fantascientifico diretto da Ridley Scott, con protagonista Harrison Ford, accompagnato da un cast composto da Rutger Hauer, Sean Youn, Edward James Olmos e Daryl Hannha. Ispirato al romanzo Il cacciatore di Androidi, il film è ambientato in una distopica Los Angeles del 2019, in cui vediamo i replicanti degli uomini usati come forza lavoro nelle colonie extra-terrestri. Quando un gruppo di androidi evade, sarà il poliziotto Rick ormai fuori servizio a dedicarsi alla loro cattura.

Il film è stato un vero successo e, soprattutto, è riuscito a coinvolgere appieno gli stessi attori che ne hanno fatto parte, uno di questi Rutger Hauer. L’attore fu scelto per questo film e si trovò ben presto su un set che poteva essere visto come la perfetta rappresentazione dell’Apocalisse. Il suo personaggio era Roy Batty, il leader dei replicanti rinnegati del Nexus-6 e il principale antagonista del film.

Nonostante la sua lunga e ricca carriera, Rutger verrà quasi sempre ricordato per il suo ruolo in Blade Runner e soprattutto per il monologo finale che lo ha visto protagonista. Poco prima di morire, il suo monologo è passato alla storia come uno dei soliloqui più commoventi del mondo cinematografico. La cosa sorprendente di questo momento così intenso è che la parte finale del discorso fu scritta interamente dall’attore.

“Io ho visto cose che voi umani non potreste immaginarvi: navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione, e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser. E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo, come lacrime nella pioggia. È tempo di morire”.

Leggi anche Ecco com’era Terence Hill da giovane. I suoi occhi sono ipnotici, fa parte di un indimenticabile duo e, in tarda età, la vocazione religiosa lo ha profondamente cambiato

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Quanto guadagna Ridley Scott? Il patrimonio del regista, fuoriclasse della settima arte

Ridley Scott è un regista e produttore cinematografico inglese, con un patrimonio netto di 400 milioni di dollari. Nel...

Articoli correlati