Rocketman: la storia della creazione degli sfavillanti costumi del film su Elton John

Ecco l'incredibile storia dietro la creazione dei costumi di Rocketman!

Da leggere

Noir in Festival 2021: il programma di domenica 7 marzo

Pre-apertura del Noir in Festival domenica 7 marzo con la "maratona Caligari", l’omaggio a Fulci e l'opening night con...

Berlinale 2021 – Mr Bachmann and his class: recensione del film di Maria Speth

Il lungo documentario di Maria Speth, Mr Bachmann and his class viene presentato in Competizione alla Berlinale 2021: con...

Zack Snyder’s Justice League: nuove foto di Darkseid e dei protagonisti

Zack Snyder continua a lavorare al suo Justice League e regala briciole di pane ai fan in attesa Gli eroi...

È stato il film che ha incoronato una volta per tutte Taron Egerton come uno degli attori emergenti più importanti. Rocketman, film diretto da Dexter Fletcher che narra la vita di Elton John a partire dalla Royal Academy of Music fino agli anni ’80, è stato uno dei titoli cinematografici più di successo del 2019. Il film ha conquistato anche un Oscar per la miglior canzone, ma quello che salta agli occhi durante tutta la visione del film sono sicuramente gli sfavillanti costumi.

La storia della creazione degli sfavillanti costumi di Rocketman

La tuta dei LA Dodgers

Uno dei look preferiti dal costumista di Rocketman, Julian Day, è quello che il protagonista indossa in uno dei momenti più significativi del film: Elton John si tuffa in piscina durante un party, dopo aver inghiottito pillole e aver bevuto alcool. Una volta tirato fuori dall’acqua, viene rianimato e trasportato d’urgenza in ospedale in ambulanza. In quella che sembra essere una sequenza onirica, Elton John comincia a cantare il famoso brano “Rocket Man“. Gli infermieri lo svestono e lo rivestono con la nota tuta dei LA Dodgers che il cantante indossò realmente durante il concerto al Dodger Stadium nell’ottobre del 1975. Solo che la tuta versione cinematografica è leggermente diversa da quella originale…

Come ha rivelato Julian Day, la tuta è stata riprodotta grazie all’aiuto di Bob Mackie, colui che negli anni settanta si occupò degli abiti e dei costumi di Elton John. Day però ha voluto abbellire la tuta con migliaia di cristalli Swarovski piuttosto che usare le perline come nella versione originale. Ovviamente, la tuta pesava non poco, ma Taron Egerton se l’è cavata piuttosto bene perché la scena è una delle più emozionanti del film. Day e il suo team – composto per lo più da trenta persone – hanno realizzato ben 88 costumi studiando molto attentamente tutti gli abiti usati da Elton John nella sua carriera.

Il look ispirato a Il mago di Oz

Uno dei look più apprezzati dell’intero film è quello composta da pantofole rosso rubino, camicia metallica e un cappello di paglia. Questi tre elementi rimandano al magico mondo de Il mago di Oz e rappresentano rispettivamente Dorothy, il Leone Codardo, l’Uomo di latta e lo Spaventapasseri. Il look allude all’accettazione di sé stesso da parte di Elton John, ed è sottolineato dal brano del 1973 Goodbye Yellow Brick Road. Julian Day ha rivelato che la scelta dei costumi è stata fatta principalmente per rappresentare lo stato d’animo della star in determinate sequenze.

Il look de “Il diavolo”

Il costume de “Il diavolo” è stato il primo che Julian Day ha disegnato per il film. Fatto di lycra arancione con ali di piume rosse e corna, il costume è ispirato a quello di un concerto e rappresenta il cambiamento nella vita del cantante, grazie al processo di riabilitazione. Ad un certo punto, le corna si staccano, le ali si staccano così come la giacca, rivelando una persona nuova e diversa.

Ultime notizie

Noir in Festival 2021: il programma di domenica 7 marzo

Pre-apertura del Noir in Festival domenica 7 marzo con la "maratona Caligari", l’omaggio a Fulci e l'opening night con...

Articoli correlati