La regista Patty Jenkins ha finalmente rivelato il perché del suo abbandono alla regia di Thor: The Dark World nel lontano 2012

Con Wonder Woman, Patty Jenkins è diventata la prima regista donna a dirigere una trasposizione cinematografica di un personaggio dei fumetti. Un traguardo che sarebbe stato possibile tagliare già nel 2012, quando la regista venne ingaggiata dalla Marvel per dirigere Thor: The Dark World, il secondo film stand-alone sul Dio del Tuono con protagonista Chris Hemsworth, Natalie Portman e Tom Hiddleston.

Patty Jenkins; cinematographe.it
Patty Jenkins: ”Ecco perché lasciai la regia di Thor: The Dark World”

Grazie ad una recente intervista a Vanity Fair, Patty Jenkins ha chiarito finalmente le motivazioni che la spinsero ad abbondare il progetto dopo appena tre mesi. La causa furono per lo più differenze creative riguarda la trama e la sceneggiatura. La regista voleva portare sullo schermo una storia stile Romeo e Giulietta, ma come abbiamo potuto vedere la direzione presa poi dal film è stata assolutamente diversa. Ecco le sue parole:

Non credevo di poter realizzare un buon film con la sceneggiatura che stavano progettando di fare. Penso che sarebbe stato un grasso problema, la colpa sarebbe ricaduta tutta su di me. ”Oh, mio Dio, l’ha diretto questa regista e ha mancato tutte queste cose”, avrebbero detto. È stata la prima ed unica volta nella mia carriera in cui mi sono detta ”Se lo facesse un altro regista, non sarebbe un problema. Forse lo capirà e adorerà più di me. Non puoi fare film in cui non credi. L’unico motivo per farlo è per dimostrare alle persone che puoi. Ma non avrei dimostrato nulla, se non ci fossi riuscita. Non penso che avrei avuto un’altra possibilità. Perciò, sono molto grata della decisione che ho preso.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto


LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE