…non dite a mamma che la babysitter è morta! (Don’t Tell Mom the Babysitter’s Dead) avrà un remake grazie alla Treehouse Pictures!

Treehouse Pictures ha messo in moto quello che sta descrivendo come un “remake diversificato” della commedia per adulti del 1991, Don’t Tell Mom the Babysitter’s Dead, uscito in Italia col titolo …non dite a mamma che la babysitter è morta! che è stato scritto da Chuck Hayward con Bille Woodruff come regista. La versione di Hayward sarà una rivisitazione odierna della storia, incentrata però su una famiglia nera. Justin Nappi e Juliet Berman stanno producendo insieme a Oren Segal. I produttori esecutivi sono Michael Phillips – anche un EP sull’originale – Juliana Maio e Tova Laiter.

…non dite a mamma che la babysitter è morta! è una commedia del 1991 diretta da Stephen Herek. Nel cast del film figurano Christina Applegate, Joanna Cassidy, Keith Coogan, Josh Charles, Danielle Harris e David Duchovny, famoso in seguito per la serie fantascientifica X-Files.

“Don’t Tell Mom the Babysitter’s Dead è un cult” ha dichiarato il presidente della Treehouse Nappi. “Non vediamo l’ora di offrire al pubblico una nuova interpretazione divertente e scandalosa come l’originale, ma anche intelligente e connessa al mondo di oggi”.

Prima di partire per un viaggio all’estero in compagnia del suo nuovo fidanzato, la signora Crandell si era tanto raccomandata con i suoi cinque ragazzi: “Fate i bravi, e ubbidite alla babysitter come fareste con me”. Ma quando l’anziana e dittatoriale signora, incaricata di sorvegliare i cinque ragazzi, improvvisamente “toglie il disturbo” per cause naturali, la situazione precipita: l’estate di libertà che Sue Ellen e i suoi fratelli, Kenny, Zach, Melissa e Walter, già pregustavano diventa una lunga sequenza di imprevedibili complicazioni.

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE