Netflix: l’UE chiede di rinunciare alla definizione HD a causa del Covid-19

Il lavoro da casa e lo streaming stanno rallentando la banda larga: l'UE chiede a Netflix di ridurre la risoluzione dei suoi video in streaming.

Netflix potrebbe rinunciare alla definizione HD durante la pandemia

I vertici dell’Unione Europea richiedono la collaborazione di Netflix in questo momento di crisi: al servizio di streaming più popolare è stato richiesto di ridurre la qualità video, rinunciando al formato HD e preferendo la definizione standard, per permettere alle reti internet di viaggiare senza sovraccarichi a causa della pandemia di Covid-19.

In un tweet di mercoledì, il commissario europeo per il mercato interno Thierry Breton ha parlato del problema direttamente al CEO di Netflix Reed Hastings, chiedendo il passaggio alla qualità standard “quando l’HD non è necessario”. La preoccupazione di Breton, infatti, è che con milioni di persone costrette a lavorare da casa la banda larga possa subire congestioni.

Nel suo tweet, il politico francese ha fatto presente la sua conversazione con Hastings dicendo:

“per battere il #COVID19, noi #StiamoACasa. Il telelavoro e lo streaming aiutano moltissimo ma le infrastrutture potrebbero andare sotto sforzo. Per assicurare a tutti l’accesso a Internet, passiamo alla definizione standard (#SwitchToStandard è l’hashtag utilizzato da Breton) quando l’HD non è necessario.”

Da Netflix intanto è stato confermata alla CNN la conversazione avvenuta tra Breton e Hastings ma la compagnia non ha ancora indicato se lo switch alla definizione standard avverrà di default.

Articoli correlati