morto stalin se ne fa un altro

In seguito alla trasgressione del divieto assoluto di mostrare Morto Stalin, se ne fa un altro un cinema russo è stato vittima di un raid da parte delle forze dell’ordine

Un cinema moscovita che ha ignorato il divieto ufficiale di mostrare Morto Stalin, se ne fa un altro, una commedia nera britannica sulla morte del dittatore sovietico, si è ritrovato costretto a bloccare la proiezione del film in seguito ad un raid della polizia avvenuto venerdì.

In un post di Facebook, Pioner Cinema ha scritto che il film del 2017 del regista Armando Iannucci, che fino a quel momento aveva fatto il tutto esaurito, era stato ritirato dalla programmazione di sabato “a causa di circostanze al di fuori del nostro controllo” e indirizzando gli utenti per ulteriori informazioni al ministero della cultura Russa, che l’aveva annullato. Il post è stato accompagnato dall’immagine della scritta Free Speech Conditions Apply, realizzata dal noto artista di strada FUKT.

Alexander Mamut, miliardario noto per progetti culturali d’avanguardia, possiede il cinema d’essai e due importanti catene cinematografiche russe, cosa che porta con sé l’idea che questo conflitto riguardo Morto Stalin, se ne fa un altro, rappresenti in realtà degli screzi all’interno delle élite russe.

Ola Cichowlas, una giornalista dell’AFP, ha twittato le foto del raid. Non era chiaro quale agenzia di polizia fosse responsabile. Un funzionario della sezione di Mosca del comitato investigativo, l’equivalente russo dell’F.B.I., ha dichiarato all’agenzia di stampa Tass che non aveva nulla a che fare con l’operazione.

Vladimir Medinsky, ministro della cultura russa, ha comunicato su Twitter la sua opposizione al film. Intorno al periodo del raid ha pubblicato i commenti rabbiosi dalla figlia di Georgij Konstantinovič Žukov, il leggendario comandante della Seconda Guerra Mondiale sovietico che è raffigurato nel film come membro del malvagio entourage di Stalin che si lotta per ottenere il potere dopo la sua morte.

“Questo è un film rivoltante e una presa in giro della nostra storia, dei nostri eroi, in particolare di mio padre”, ha detto Maria Zhukova alla Russian Military Historical Society, un’organizzazione che promuove le cause ideologiche di Medinsky. “Il modo in cui sono rappresentate tutte le persone sovietiche è semplicemente offensivo. Prima di tutto per i discendenti di quelli raffigurati in essa e allo stesso modo per i veterani di guerra”.

Il ministero della cultura in Russia ha revocato la licenza di distribuzione per Morto Stalin, se ne fa un altro martedì e due giorni dopo, proprio mentre Pioner ha iniziato le proiezioni, ha rilasciato una dichiarazione in cui si affermava che i trasgressori potevano affrontare multe o fermi fino a 90 giorni. Ha anche osservato che le figure culturali che avevano chiesto il divieto del film avevano scoperto che “contiene informazioni che possono essere valutate come estremiste, dirette verso la degradazione della dignità del popolo russo e sovietico”.

La parola “estremismo” è stata usata in Russia negli ultimi anni come un’etichetta generale applicata sia contro coloro che sono considerati terroristi sia per coloro che hanno attraversato le linee ideologiche accettate dal governo.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto