Mi chiamo Francesco Totti: il documentario sarà presentato alla Festa di Roma 2020

L'opera ripercorrerà le tappe più importanti della carriera del capitano della Roma ritiratosi nel maggio 2017.

Da leggere

L’avete riconosciuto? Soffre di epilessia, ha indossato un’inquietante maschera, odia Captain America ed è stata un’appariscente drag queen

È nato in Nigeria, precisamente ad Ibadan, il 4 aprile 1960 perché i suoi genitori - entrambi britannici -...

Anchille Lauro: tutti i film che abbiamo visto nei suoi travestimenti

Artista eclettico che riconosce nella metamorfosi l’unica costante della sua ricerca estetica, Achille Lauro è, da almeno un paio...

V per Vendetta – quella volta che Natalie Portman dovette farsi rasare i capelli: “è stato eccitante rinunciare alla vanità”

V per Vendetta, diretto da James McTeigue, è un film del 2006 con nel cast Hugo Weaving, Natalie Portman,...

Alex Infascelli è il regista di Mi chiamo Francesco Totti, il documentario che verrà presentato in anteprima durante la Festa del Cinema di Roma 2020

Da quando, tre anni fa, Francesco Totti ha detto addio al calcio giocato, in molti si sono chiesti non tanto “come” ma piuttosto “quando” il suo talento sportivo sarebbe stato omaggiato sul grande schermo. Ebbene, a distanza di tre anni dalla sua ultima gara contro il Genoa, è stato annunciato che nei prossimi mesi vedrà la luce un documentario che ne racconterà la gesta sul campo da calcio. Ad ospitare l’anteprima dell’opera non poteva che essere Roma, la città che ha visto Totti nascere, crescere e scrivere pagine indelebili di storia sportiva.

Il documentario si intitola semplicemente Mi chiamo Francesco Totti e vede alla regia Alex Infascelli, capace di raccogliere grandi consensi con il suo S is for Stanley, uscito nel 2017 e incentrato, come intuibile, sulla figura di Stanley Kubrick, raccontata da colui che per ben trent’anni ha fatto da autista al grande regista statunitense, Emilio D’Alessandro. Sarà dunque attraverso il suo occhio e le parole del calciatore romano che il pubblico, nazionale ed internazionale, potrà ripercorrere la vita di Francesco Totti andando a ritroso rispetto al giorno dell’addio, risalente al 28 maggio 2018. Una giornata indimenticabile per i tifosi della Roma che, citando uno striscione presente allo Stadio Olimpico in quell’occasione, avrebbero preferito “morire prima” piuttosto che dire addio al loro capitano. L’opera, basata sul libro Un Capitano, scritto da Totti con Paolo Condò, è prodotta da da Lorenzo Mieli, Mario Gianani e Virginia Valsecchi, una produzione The Apartment e Wildside, entrambe del gruppo Fremantle, con Capri Entertainment, Fremantle, con Vision Distribution e Rai Cinema, in collaborazione con Sky e Amazon Prime Video. Sarà distribuito da Vision Distribution.

L’anteprima avverrà durante la Festa del Cinema di Roma 2020, in programma dal 15 al 15 ottobre, come annunciato dal direttore artistico Antonio Monda, d’intesa con Laura Delli Colli e Francesca Via, direttrice generale.

Sourceansa

Ultime notizie

L’avete riconosciuto? Soffre di epilessia, ha indossato un’inquietante maschera, odia Captain America ed è stata un’appariscente drag queen

È nato in Nigeria, precisamente ad Ibadan, il 4 aprile 1960 perché i suoi genitori - entrambi britannici -...

Articoli correlati