Luca Ward e l’interpretazione da “Brividi” del celebre brano di Mahmood e Blanco [VIDEO]

Il doppiatore Luca Ward ammalia tutti con la sua personale interpretazione di Brividi, il brano di Mahmood e Blanco

Difficile non riconoscere la voce di Luca Ward, uno dei nostri doppiatori più amati e seguiti. Quel “Al mio segnale , scatenate l’inferno” del Massimo Decimo Meridio di Russell Crowe rimarrà per sempre nella storia del cinema. Ma il doppiatore romano non è celebre solamente per i suoi egregi lavori nel mondo del cinema, con la sua voce riesce a trasformare qualsiasi testo in un’interpretazione da… brividi!

Ospite da Radio Italia, Ward ha regalato agli ascoltatori la sua versione di Brividi, il brano che ha portato alla vittoria del Festival di Sanremo Mahmood e Blanco, i quali ora lo stanno presentando in diretta europea, in competizione all’Eurovision Song Contest. Il doppiatore ha condiviso il video sulla sua pagina Facebook ufficiale – dove ogni giorno intrattiene i suoi milioni di follower con foto e video – e potete vederlo qui di seguito. Non c’è che dire, il testo di questo brano è pura poesia!

Leggi anche Luca Ward e quell’annuncio shock: “Il Gladiatore sarà ridoppiato”

L’Eurovision 2022 non è partito nei migliori modi quest’anno, con i fan di tutto il mondo che si sono lamentati dello sbrigativo omaggio alla leggendaria Raffaella Carrà, scomparsa lo scorso luglio e presenza costante all’interno della trasmissione musicale. 30 secondi in cui – i tre conduttori Laura Pausini, Alessandro Cattelan e Mika – hanno ballato sulle note di Fiesta. Il particolare omaggio non è piaciuto alla maggior parte degli spettatori, rimasti basiti di fronte alla breve esibizione in suo onore. “Raffaella Carrà non può essere liquidata con un ritornello di pochi secondi. Lei, che tanto ha sponsorizzato l’Eurovision anche quando non era il fenomeno di massa che è diventato oggi, meritava un po’ di rispetto in più! Tranquilla Raffa, per noi sei a Torino”, è solamente uno dei tanti tweet di protesta che si leggono sul social. Prima della sua finale, attesa per sabato 14 maggio, ci saranno altre (sgradevoli) sorprese sul palco dell’Eurovision?

Articoli correlati