Sharon Stone - cinematographe.it

Sharon Stone, icona di bellezza, moda e talento, da giovanissima ha vinto tutti i concorsi di bellezza ai quali ha partecipato, portandola a scegliere la carriera di modella. Diventando una delle indossatrici più famose degli Stati Uniti, dopo essersi trasferita a New York, decide di spostarsi nuovamente in Europa; in particolare questa scelta è dovuta ad alcuni spot tv ai quali le fu richiesto di partecipare e che temeva avrebbero influenzato negativamente la sua carriera. Notata da Woody Allen, il suo primo film è Stardust Memories, seguito da Benedizione mortale, horror di gran successo al Box Office. Tra collaborazioni con Claude Lelouch, la possibilità di entrare nel cast di Indiana Jones e il tempio maledetto come co-protagonista e altre pellicole che la portarono anche sul piccolo schermo, il vero ruolo che la rese celebre arriva nel 1992 con Basic Instinct, con il quale la Stone riceve una nomination ai Golden Globe. La popolarità della Stone cresce così sempre di più, la rivista People la inserisce tra le 50 donne più belle al mondo e il film è un successo mondiale.

Sharon Stone: la diva statunitense dall’altissimo QI

Sharon Stone - cinematographe.it

Prima della consacrazione come grande attrice e un talento finalmente riconosciuto, Sharon Stone aveva recitato, tra gli altri, anche in Atto di forza, accanto a Arnold Schwarzenegger e Scissors – Forbici, con una lunga pausa di alcuni mesi a causa di una grave incidente che la costrinse a star ferma per molto tempo. Nel 1995 la rivista Empire la inserisce tra le 100 donne più sexy della Storia del Cinema e nel 1997 tra le 100 più brave attrici di tutti i tempi, ospite inoltre di molti programmi televisivi italiani. Candidata all’Oscar per Casinò di Martin Scorsese, è stata particolarmente acclamata per la pellicole Basta guardare il cielo, La dea del successo, e per la parte sul piccolo schermo The Practice – Professione avvocati.

Sharon Stone - cinematographe.it

Nonostante i numerosi ruoli, Basic Instinct, in particolare la scena dell’interrogatorio, è rimasta iconica nella carriera della Stone e nel mondo del cinema, sia per l’ottima interpretazione che per le polemiche che il film ha suscitato a causa dei contenuti erotici. Controversie che non hanno fatto altro che aumentare la popolarità del film. Come molte celebrità, la Stone non è sfuggita al gioco del “calcolo” del QI, pratica diffusa in America, ancor di più se si è un simbolo di bellezza. Ma Sharon Stone ha un QI di poco al di sotto di quello del genio Albert Einstein. Il fisico tedesco premio Nobel, aveva un quoziente intellettivo di 160, mentre quello della Stone è di 154.

Sharon Stone - cinematographe.it