Lanterna Verde: Taika Waititi fa finta di non ricordarsi di aver preso parte al film

Taika Waititi è tornato a parlare del flop d'incassi nel 2011 di Lanterna Verde, facendo finta di non ricordarsi di aver fatto parte del cast.

Da leggere

Paola Lavini: “Sono la Divina Maria Callas in TV e a teatro”

L’abbiamo vista nel film pluripremiato Volevo Nascondermi di Giorgio Diritti sulla vita di Antonio Ligabue nel ruolo di Pina...

Ayla – la figlia senza nome: la storia vera del film di Can Ulkay

Ayla - la figlia senza nome è un film del 2017 diretto da Can Ulkay. Ambientato durante la guerra...

L’uomo dei Ghiacci: la spiegazione del film con Liam Neeson

Arriva Liam Neeson e con un pugno salva tutti. Più o meno. Diciamo che L'uomo dei Ghiacci fa un lungo giro...

Block title

Lo sceneggiatore e regista Taika Waititi prende in giro sé stesso e la sua partecipazione in Laterna Verde

Uscito nelle sale di tutto il mondo nell’estate del 2011, Lanterna Verde è stato un flop d’incassi con soli 220 milioni di dollari a fronte di una spesa di 200 solo per la produzione. Anche la critica, a suo tempo, lo bocciò aspramente, portando Ryan Reynolds a tirarsi indietro da un possibile sequel. Tra i protagonisti del film c’era anche Taika Waititi, interprete di Thomas Kalmaku, che ha recentemente scherzato sul totale fallimento del film.

lanterna verde; cinematographe.it
Lanterna Verde: Taika Waititi fa finta di non ricordarsi di aver partecipato al film

Taika Waititi, in una recente intervista per promuovere Free Guy, film che lo vede regista e attore al fianco proprio di Ryan Reynolds, alla domanda se il flop di Lanterna Verde verrà mai dimenticato, ha risposto così:

Di quale progetto stai parlando? Non ne ho mai sentito parlare. Lanterna…cosa?

Lo sceneggiatore e regista di Thor: Ragnarok si è detto convinto che è importante sdrammatizzare sugli errori fatti e di quanto sia importante prendere sé stessi:

Sia io che Ryan abbiamo un senso dell’umorismo molto simile. Trovo davvero divertente che io abbia fatto quel film. Il fatto è che quando le persone evitano di parlare dei propri errori o di certe cose, io personalmente la vedo come una cosa negativa. Se un attore è abbastanza coraggioso e a suo agio con sé stesso, non vedo perché non essere autoironico su qualcosa che non è andato bene. Perché quando riesci a prenderti in giro da solo, le persone ti vedono per quello che sei. Se non lo fai, sembri un po’ strano. Non ho ancora idea di cosa sia quel progetto, comunque. Non sono sicuro di cosa tu stia parlando.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Paola Lavini: “Sono la Divina Maria Callas in TV e a teatro”

L’abbiamo vista nel film pluripremiato Volevo Nascondermi di Giorgio Diritti sulla vita di Antonio Ligabue nel ruolo di Pina...

Articoli correlati