La Vita di Adele: il regista mette all’asta la Palma d’oro per finanziare il suo nuovo film

Protagoniste del film sono Adele Exarchopoulos e Lea Seydoux.

Da leggere

Wonder Woman: Gal Gadot stava per rifiutare la parte. Il motivo? Il salario troppo basso

Gal Gadot era pronta ad abbandonare il film Wonder Woman 1984 per via del suo stipendio, ancora troppo basso Gal...

Batwoman: Warner Bros. risponde alle accuse di Ruby Rose

Ruby Rose ha attaccato la Warner Bros. Television per il cattivo ambiente lavorativo sul set di Batwoman La Warner Bros....

Matrix 4 classificato Rated R per “violenza e linguaggio volgare”

Matrix 4 ci riporterà Keanu Reeves nei panni di Neo e Carrie-Anne Moss nei panni di Trinity, in una...

Block title

Nel 2013 il film La vita di Adele ha vinto la Palma d’oro al Festival di Cannes, e ora il regista della pellicola Abdellatif Kechiche sta mettendo all’asta il suo prestigioso premio per finanziare il suo prossimo film. Il regista deve raggiungere il budget necessario per terminare la post-produzione del suo nuovo film Mektoub, my Love.

Protagoniste del film sono Adele Exarchopoulos e Lea Seydoux. In una sua dichiarazione il regista ha detto:

Pur di raccogliere i fondi necessari a completare la post-produzione senza ulteriori ritardi, la produzione francese e la casa di distribuzione Quat’Sous stanno mettendo all’asta degli oggetti legati alle opere di Kechiche. Tra quanto messo in vendita ci sono la Palma d’Oro (Cannes Film Festival 2013) e i dipinti che hanno avuto un ruolo centrale nel film“.

La Vita di Adele Palma d’oro: il regista mette all’asta il premio del festival di Cannes per finanziare il suo nuovo film

Il film è tratto dal romanzo a fumetti Il blu è un colore caldo di Julie Maroh.

Adele è adolescente e non ha dubbi: le ragazze stanno coi ragazzi. La sua visione del mondo però inizia a vacillare il giorno in cui incontra Emma, una ragazza dai capelli blu, che le farà scoprire il desiderio e le permetterà di realizzarsi come donna.
Sotto lo sguardo di chi la circonda, Adele cresce, cerca se stessa, si perde, si trova di nuovo.

Accolto dal plauso del Festival di Cannes, la pellicola ha ricevuto numerose critiche positive da parte della stampa internazionale. Tuttavia, è stato anche criticato per la presenza di scene di sesso ritenute da alcuni esplicite e gratuite, quasi al limite da film pornografico per pubblico maschile. La stessa autrice del fumetto, al quale il film si è ispirato, le avrebbe trovate lontane dallo spirito della propria opera, bollandole come “forzate”, nonché “frutto di un’interpretazione di voyeurismo maschile” e criticando anche la scelta degli attori.

ViaTHR

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Wonder Woman: Gal Gadot stava per rifiutare la parte. Il motivo? Il salario troppo basso

Gal Gadot era pronta ad abbandonare il film Wonder Woman 1984 per via del suo stipendio, ancora troppo basso Gal...

Articoli correlati