Klaus Kinski e quella rivelazione shock della figlia Paula: “mi ha violentata per anni”

La figlia dell'attore Klaus Kinski ha rivelato qualche anno fa che suo padre l'ha violentata per anni, da quando aveva 5 anni.

Da leggere

Laura Antonelli: la vita da sex symbol e la morte prematura per infarto, apice di un lungo dramma personale

È stata l'attrice sex symbol del cinema italiano degli anni settanta, rivestendo i panni di protagonista di numerose pellicole...

The Suicide Squad: James Gunn svela il motivo dell’assenza del Joker

In una recente intervista, James Gunn ha rivelato il motivo per cui ha preferito non utilizzare il Joker per...

Spider-Man: No Way Home – JK Simmons ha imposto il ritorno al look originale per J. Jonah Jameson

JK Simmons ha dovuto lottare perché il personaggio di J. Jonah Jameson tornasse in Spider-Man: No Way Home con...

Block title

Figlio di un farmacista e della figlia di un pastore, Klaus Kinski è stato uno dei più grandi attori tedeschi della storia del cinema, famoso per aver dato vita a film come Per qualche dollaro in più, Per un pugno di dollari, Tempo di vivere, I dannati e tanti altri ancora. Oltre a essere ricordato per la sua filmografia, la sua personalità è segnata anche da un grande scandalo. Sua figlia lo ha accusato di averla violentata per quattordici anni.

Klaus Kinski e l’accusa di sua figlia, violentata per quattordici anni

klaus kinski, cinematographe.it

“Ho taciuto per anni perché mi aveva proibito di parlarne”, ha detto la donna durante un’intervista. “La cosa terribile è che una volta mi ha detto che questo fosse del tutto naturale, che i padri di tutto il mondo lo facessero con le loro figlie”. Pola, che ha scritto un’autobiografia, ha raccontato anche che il defunto padre la sottopose a stupri e abusi, per poi comprare il suo silenzio con regali costosi: “Pagava perché fossi il suo piccolo oggetto sessuale, posto su cuscini di seta”. L’obiettivo della donna con la sua autobiografia è stato quello di aiutare “altri che hanno vissuto qualcosa di simile. Non ce la facevo più a sentire dire “Tuo padre, fantastico! Genio! L’ho sempre amato!” Ho sempre risposto in modo vago, ma dalla sua morte questa adulazione è anche peggiorata e io non ce la facevo più”.

Così come suo padre, anche Pola è diventata attrice. A partire dal 1970 ha studiato recitazione alla Otto-Falckenberg-Schule di Monaco. Ha iniziato esibendosi nei teatri di Schauspielhaus Bochum e al Deutsches Schauspielhaus di Amburgo. I suoi ultimi lavori risalgono al 2007, mentre è tornata in scena nel 2013, quando ha rivelato di essere stata violentata regolarmente da suo padre dai cinque ai diciannove anni. Su questa storia è uscita anche un’autobiografia, tradotta in italiano con il titolo L’amore di papà.

Leggi anche Montgomery Clift e quell’incidente d’auto che compromise per sempre la bellezza e la carriera dell’attore 

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Laura Antonelli: la vita da sex symbol e la morte prematura per infarto, apice di un lungo dramma personale

È stata l'attrice sex symbol del cinema italiano degli anni settanta, rivestendo i panni di protagonista di numerose pellicole...

Articoli correlati