Keira Knightley e le scene di sesso: “Sono troppo vanitosa, non voglio stare nuda”

Keira Knightley dice basta alle scene di nudo e sesso. Il motivo? Il fatto di essere diventata madre e di essere stanca dello "sguardo maschile".

Basta scene di sesso per l’attrice Keira Knightley, la quale è stufa dello “sguardo maschile” 

Keira Knightley è un’attrice versatile che è stata vista recitare in tantissimi generi e ruoli diversi: dai blockbuster, agli indie e ai film d’epoca, recitando la parte di piratesse, duchesse e studiose di matematica. Durante la sua carriera è stata anche coinvolta in alcune scene di sesso o vista nuda. Ora, da quando ha avuto due figli, ha aggiunto una clausola al suo contratto: basta nudità. Durante un episodio del podcast Chanel Connects l’attrice nominata agli Oscar ha parlato con la regista Lulu Wang e la produttrice/giornalista Diane Solway di come non sia più disposta a girare scene di nudo o di sesso, in particolare sotto lo sguardo di registi uomini.

Keira Knightley

Keira Knightley e James McAvoy in Espiazione (2007)

In parte è per vanità e in parte per lo sguardo maschile. Mi sento molto a disagio sotto lo sguardo maschile.

L’attrice ha aggiunto che capisce che alcuni registi abbiano bisogno di “qualcuno che sembri sexy” e che ci sono quelle “scene di sesso orribili in cui sei tutto unto e tutti grugniscono”. Per Keira Knightley si trova a un punto della sua carriera in cui non è più interessata a farlo. Capisce il valore di queste scene, ma ha detto che possono trovare qualcun altro per realizzarle.

Sono troppo vanitosa e il corpo ha avuto due figli ora e preferirei non stare nuda di fronte a un gruppo di uomini. 

L’attrice, tuttavia, non è totalmente contraria alle scene di nudo. Ha detto che sarebbe d’accordo a girare scene di nudo se la storia del film fosse profonda, come “un viaggio sulla maternità e sull’accettazione del corpo che cambia”, ma ha aggiunto che lo farebbe solo se a dirigere ci fosse una donna.

Leggi anche – Quanto guadagna Keira Knightley? Fra cinema, teatro e campagne pubblicitarie, ecco il patrimonio dell’attrice inglese

Articoli correlati