Justice League: due attori sostengono il futuro dello SnyderVerse

I fan chiedono alla Warner Bros. di ripristinare la versione di Zack Snyder nel canon ufficiale del DCEU e di permettere al regista di girare o supervisionare nuovi film in futuro.

Due star di Justice League si sono uniti alla richiesta dei fan a favore dello SnyderVerse e quindi del ritorno di Zack Snyder nel DCEU

Ray Fisher e Ray Porter, attori che sono stati diretti da Zack Snyder in Justice League, si stanno unendo alle richieste dei fan che esortano la Warner Bros. a riportare in vita il cosiddetto SnyderVerse, ovvero l’universo cinematografico DC composto dai film diretti o supervisionati da Snyder.

Il movimento è sostenuto online dall’hashtag #RestoreTheSnyderVerse ed è nato dopo che i dirigenti dello studio, secondo quanto riferito, hanno descritto la versione originale di Justice League firmata da Zack Snyder come un “vicolo cieco narrativo“, chiudendo effettivamente la porta ad un ipotetico Justice League 2 o ad altri sequel (su tutti Man of Steel 2), che potrebbero seguire il taglio del regista di quattro ore, in uscita quest’anno su HBO Max. Mentre le saghe di Wonder Woman con Gal Gadot e di Aquaman con Jason Momoa (entrami prodotti e basati su soggetti firmati da Snyder) godono di ampio successo come parte del DCEU ancora in corso, i sostenitori del regista chiedono a gran voce un disconoscimento ufficiale della versione di Justice League firmata da Joss Whedon che, lo ricordiamo, ha sostituito Snyder per le ultime riprese e per la post-produzione dopo che il regista è stato costretto ad abbandonare la nave in seguito ad un grave lutto famigliare.

Leggi anche: Batman v Superman, Zack Snyder pubblica clip rimasterizzata IMAX

Quello che i fan dicono è canon“, ha twittato Fisher, che interpreta Cyborg, insieme a una foto presa dalla Justice League di Snyder, precedentemente incompiuta. L’attore si riferisce alla richiesta di reinserire il film nel canon ufficiale del DCEU.

Porter, il cui supercriminale Darkseid non compare neanche nella versione del film uscita nelle sale nel 2017, si è invece limitato a twittare l’hashtag divenuto virale negli ultimi giorni.

Da parte sua, Snyder ha promesso di non usare “un singolo fotogramma” dalla versione di Justice League distribuita nelle sale cinematografiche. Molti hanno avevano già abbandonato il taglio completato da Whedon quando Fisher ha affermato che il comportamento del regista sul set era “volgare, offensivo, non professionale e completamente inaccettabile“.

Articoli correlati