Joker - Cinematographe.it

Secondo The Mirror, sarebbero stati proposti 50 milioni di dollari a Joaquin Phoenix per due nuovi film su Joker

Secondo quanto riferito nelle ultime ore, alla star di Joker (recensione QUI), Joaquin Phoenix, sono stati offerti 50 milioni di dollari per riprendere il ruolo per due sequel del film spin-off di Batman. The Mirror afferma infatti di avere una fonte interna che sostiene che “Joaquin inizialmente pensava che Joker fosse un film a sé stante. Ma ora ha cambiato tono. Dice che vuole interpretare di nuovo questo personaggio, nonostante le controversie che sono arrivate con l’uscita dell’anno scorso. È ancora in fase di negoziazione, ma le sceneggiature sono in fase di scrittura e Joaquin è molto coinvolto nel progetto“.

A gennaio, Todd Phillips aveva sorvolato su tutte le voci secondo cui l’idea di produrre un secondo Joker stava andando avanti. Secondo il regista, lui e Joaquin Phoenix non erano motivati ​​a fare un sequel a meno che non fosse arrivata l’ispirazione giusta. Non lo avrebbero fatto, insomma, solo per il successo commerciale del film, arrivato ad incassare un miliardo di dollari:

Quando un film incassa 1 miliardo di dollari a fronte di una spesa di 60 milioni, sembra ovvio realizzare un sequel“, aveva detto Phillips. “Ma io e Joaquin non abbiamo deciso nulla a riguardo. Siamo aperti a tutto. Voglio dire, mi piacerebbe lavorare con lui su qualsiasi cosa, francamente. Quindi chi lo sa? Ma il film dovrebbe avere una vera risonanza tematica come ha fatto il primo film che, in ultima analisi, riguardava il trauma infantile, la mancanza di amore e la perdita di empatia. Tutte queste cose sono davvero ciò che ha fatto funzionare questo film per noi, quindi dovremmo avere qualcosa che avesse una risonanza tematica uguale“.

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE