Joaquin Phoenix e la sua vittoria agli Oscar 2020: “Ero terrorizzato!”

Durante una recente intervista, Joaquin Phoenix ha raccontato tutta la sua paura e tutta la sua ansia durante la Notte degli Oscar 2020.

Da leggere

Paola Lavini: “Sono la Divina Maria Callas in TV e a teatro”

L’abbiamo vista nel film pluripremiato Volevo Nascondermi di Giorgio Diritti sulla vita di Antonio Ligabue nel ruolo di Pina...

Ayla – la figlia senza nome: la storia vera del film di Can Ulkay

Ayla - la figlia senza nome è un film del 2017 diretto da Can Ulkay. Ambientato durante la guerra...

L’uomo dei Ghiacci: la spiegazione del film con Liam Neeson

Arriva Liam Neeson e con un pugno salva tutti. Più o meno. Diciamo che L'uomo dei Ghiacci fa un lungo giro...

Block title

La serata del 9 febbraio 2020 è stato una delle più importanti della sua carriera e anche della sua vita. Quella sera, Joaquin Phoenix ha trionfato come Miglior Attore Protagonista per la sua strabiliante interpretazione di Joker nel corso della 92ª edizione dei premi Oscar. Sebbene l’attore fosse il netto favorito – dopo aver vinto i premi come miglior attore ai Golden Globe, agli Screen Actors Guild Awards e ai BAFTA Film Awards – per aggiudicarsi per la prima volta nella sua carriera l’ambita statuetta, l’idea di salire sul palco degli Oscar e fare il consueto discorso di ringraziamento lo ha terrorizzato.

Joaquin Phoenix; cinematographe.it

 

Nel corso di una recente intervista al Sunday Times, Joaquin Phoenix ha raccontato tutta la sua paura e tutta la sua ansia di quella sera:

Sarò onesto con te qui. Non avevo alcuna voglia di alzarmi e salire sul palco. Ero terrorizzato dalla paura. Quando ho ritirato il premio e ho iniziato a fare il discorso di ringraziamento, una parte di me voleva solo dire “Grazie mille. È fantastico. Buonanotte”. Invece mi sentivo come “Voglio dire sono quassù, non posso semplicemente ringraziare mia madre”.

Il discorso di ringraziamento di Joaquin Phoenix quella sera divenne subito virale per via del tema centrale, ovvero i diritti degli animali, con alcune dichiarazioni come “Ci sentiamo in diritto di inseminare artificialmente una mucca e quando partorisce le rubiamo il bambino, anche se le sue grida di angoscia sono inconfondibili. Poi le prendiamo il latte che è destinato al suo bambino e lo mettiamo nel nostro caffè e nei nostri cereali“.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Paola Lavini: “Sono la Divina Maria Callas in TV e a teatro”

L’abbiamo vista nel film pluripremiato Volevo Nascondermi di Giorgio Diritti sulla vita di Antonio Ligabue nel ruolo di Pina...

Articoli correlati