Jared Leto - Cinematographe.it

Attraverso un post sui social, Jared Leto ha ufficializzato la sua futura interpretazione di Andy Warhol, figura centrale della Pop Art

Per quasi quattro anni è circolata la voce che Jared Leto avrebbe interpretato il famoso artista Andy Warhol in un film biografico. Adesso, finalmente, il cantante e attore 48enne ha confermato che reciterà davvero nei panni di Warhol e lo ha fatto attraverso un post su Instagram, apparso in occasione del compleanno del defunto artista.

https://www.instagram.com/p/CDmOdQgHVUJ/?utm_source=ig_web_copy_link

Leto ha condiviso una serie di foto che ritraggono Warhol prima della sua morte, avvenuta nel 1987, accompagnate dalla scritta “Ci manchi tu ed il tuo genio“. Il frontman dei 30 Seconds to Mars ha poi aggiunto: “Sì, è vero che interpreterò Andy Warhol in un film in uscita. Sono così grato ed entusiasta dell’opportunità!“, concludendo con un “Buon compleanno Andy“.

Sebbene non sia confermato, sembra che Leto faccia riferimento allo stesso film che in passato si diceva sarebbe stato prodotto ed interpretato proprio da lui, intitolato Warhol. All’epoca, l’interprete di Dallas Buyers Club confermò ad un giornalista americano che sarebbe stato coinvolto nel progetto. Il film in questione doveva essere basato sul libro di Victor Bockris del 1989, Warhol: The Biography, dopo che Leto aveva acquisito i diritti insieme al co-produttore Michael De Luca. Secondo quanto emerso finora, Terence Winter, che è stato nominato all’Oscar per la sua sceneggiatura per The Wolf Of Wall Street, sta scrivendo la sceneggiatura del biopic.

Personaggio complesso ed ipocondriaco, Warhol morì nel 1987 all’età di 58 anni. Ha fatto colpo nel mondo dell’arte durante gli anni ’60 trasformando il consumismo americano in arte con opere dai colori vivaci che caratterizzano le lattine di zuppa di Campbell, le bottiglie di Coca-Cola e celebrità come Marilyn Monroe. È anche ricordato per aver coniato la frase “quindici minuti di celebrità”. Dichiaratamente gay prima che l’omosessualità fosse ampiamente accettata, Andy Warhol creò uno studio d’arte chiamato The Factory, che attrasse la società di New York negli anni Sessanta, e lanciò anche la band The Velvet Underground. Lo studio d’arte ed in particolare l’ascesa e il declino della modella e attrice Edie Sedgwick, sono stati raccontati nel film Factory Girl di George Hickenlooper.

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE