Il Signore degli Anelli: le pressioni subite dal regista sulla trama

Anche i registi migliori subiscono delle pressioni quando si tratta di lavorare a grandi produzioni come Il Signore degli Anelli.

Da leggere

Cowboy Bebop: nel primo poster ufficiale della serie Netflix i personaggi sono in azione!

Cowboy Bebop arriva sulla piattaforma il 19 novembre 2021 Cowboy Bebop è uno degli anime più importanti della storia dell'intrattenimento...

Spider-Man: No Way Home – Sam Raimi ha apprezzato un elemento in particolare del trailer

Spider-Man: No Way Home arriva nelle sale italiane il 25 dicembre 2021 Spider-Man: No Way Home è finalmente così vicino...

Star Wars: Mark Hamill ha qualcosa da dire sulla trilogia prequel

Star Wars è spesso finito nel mirino delle critiche da parte dei fan Star Wars, una delle saghe più longeve...

Dominic Monaghan (Merry nella trilogia de Il Signore degli Anelli) afferma che Peter Jackson ha subito pressioni dai produttori.

Il regista della trilogia de Il Signore degli Anelli, Peter Jackson, è stato messo sotto pressione dai produttori per uccidere uno degli amati Hobbit, nonostante tutti e quattro siano sopravvissuti nei romanzi corrispondenti. La rivelazione viene da Dominic Monaghan. Uscito per la prima volta nel 2001, Il Signore degli Anelli è una trilogia di film epici di avventura fantasy basati sui romanzi di J R. R. Tolkien. Ambientati nel mondo immaginario della Terra di Mezzo, i film seguono il viaggio di Frodo Baggins, un hobbit della Contea, e del suo compagno Samwise Gamgee, mentre si imbarcano in una missione per distruggere l’Unico Anello.

Girati in Nuova Zelanda e con un cast corale di attori, vale a dire Elijah Wood, Ian McKellen, Liv Tyler, Viggo Mortensen, Sean Bean, Andy Serkis, i film sono considerati alcune delle più grandi uscite cinematografiche di sempre. Dominic Monaghan che ha interpretato lo hobbit Meriadoc Merry Brandybuck nella trilogia del film, di recente ha anche lanciato un podcast chiamato The Friendship Onion insieme alla sua costar, Billy Boyd, che ha interpretato lo hobbit Peregrin Pippin”Took nei film. Durante gli episodi del podcast comico, le due star discutono di notizie sulla cultura pop e condividono anche storie esclusive dietro le quinte del loro tempo durante le riprese della trilogia LOTR.

A quasi due decenni dall’uscita dell’ultimo film, il duo ha ricordato alcuni dei momenti più memorabili delle riprese della trilogia in un’intervista con IGN. Oltre alle discussioni su come è nato il loro podcast, alcune delle scene che hanno dovuto girare più volte, l’addestramento con le armi e come il canto di Boyd ha convinto il co-autore a incorporare una canzone nella sceneggiatura di Pipino, la coppia ha anche menzionato come Jackson è stato messo sotto pressione dai produttori per uccidere uno dei quattro hobbit principali:

Fortunatamente Peter Jackson non ha ceduto, perché sarei stato io. Sicuramente sarebbe stato eliminato Pipino. Non potevano morire Frodo o Sam, e gli unici che sarebbero rimasti sarebbero stati Merry e Pipino. Uccidere Pipino aveva più senso vista la storia con Gandalf. Sarei stato sicuramente io. Penso che Peter abbia giustamente detto: Dobbiamo restare fedeli al testo. Sì, sono grato che il mio personaggio non sia stato eliminato.

Il riferimento di Monaghan alla diffidenza di Jackson di allontanarsi dal testo e alla sua determinazione a mantenere vivi tutti i personaggi come scrisse Tolkien, dimostra che era il regista giusto per dare vita a questa storia per i fan devoti de Il Signore degli Anelli.

Leggi Anche – Stranger Things 4: Caleb McLaughlin afferma che la trama è folle

Ultime notizie

Cowboy Bebop: nel primo poster ufficiale della serie Netflix i personaggi sono in azione!

Cowboy Bebop arriva sulla piattaforma il 19 novembre 2021 Cowboy Bebop è uno degli anime più importanti della storia dell'intrattenimento...

Articoli correlati