Nonostante Christopher Gordon lo abbia interpretato magistralmente in L’alba del pianeta delle scimmie, lo sfregiato scimpanzè Koba è stato rappresentato con grande responsabilità ed ottimi risultati dall’attore britannico Toby Kebbell in Apes Revolution – Il pianeta delle scimmie.

Il pianeta delle scimmie: Toby Kebbel ancora nei panni di Koba?

Nel cast come protagonista che infiamma le tensioni tra umani e scimmie fino a portare alla guerra, il personaggio di Koba è fondamentamente opposto a quello di Caesar, interpretato dal genio di Andy Serkis. La differenza di carattere tra i due è determinata prevalentemente dal loro rapporto con gli umani: se da un lato Caesar è stato allevato con amore dagli stessi perchè potesse favorire una coesistenza pacifica tra i due mondi, Koba, maltrattato dagli uomini, ha sviluppato un sentimento di rancore e di odio nei loro confronti, tanto da contrastarli con tutte le proprie forze. Una scelta di appoggiare il governo di Caesar, quella di Koba, al fine di poterne usurpare il trono e di dichiarare guerra al mondo degli umani scatenando contro di loro l’esercito delle scimmie.

il pianeta scimmia

Se al culmine della battaglia Caesar rinnega Koba come suo degno successore prima di lasciar cadere il sanguinario Bonobo dalla torre, tuttavia il film si conclude con il respiro affannato di Koba il quale, probabilmente sopravvissuto in qualche modo alla caduta mortale, potrebbe ritornare  nel sequel del film che ha visto l’inizio delle riprese proprio in questo fine settimana. Kebbell ha infatti già confermato qualche coinvolgimento nel nuovo progetto, anche se il suo ruolo sarà tenuto segreto fino al rilascio del film nelle sale cinematografiche.

Diretto da Matt Reeves che ne ha scritto la sceneggiatura con Mark Bomback, Planet of the Apes (2017), interpretato da Andy Serkis, sarà rilasciato il 14 luglio 2017.

Fonte: Scified

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto