House of Cards: la produzione obbliga Kevin Spacey a pagare una multa salatissima!

L'ultima stagione dell'apprezzata serie televisiva già aveva tagliato fuori la star americana.

Da leggere

Ho tutto il tempo che vuoi: in esclusiva su RaiPlay il corto sul fenomeno Hikikomori

Ho tutto il tempo che vuoi è diretto da Francesco Falaschi in collaborazione con gli allievi della Scuola di...

Zerocalcare consiglia le sue serie preferite su Netflix descrivendo le trame… a modo suo!

È senza dubbio la serie del momento, e stavolta è tutta made in Italy. Strappare lungo i bordi, la...

Trafficante di virus: recensione del film di Costanza Quatriglio

Costanza Quatriglio traspone nel suo ultimo lungometraggio l'autobiografia della virologa italiana Ilaria Capua, Io, trafficante di virus. A partire da...

Block title

House of Cards torna alla ribalta per un motivo economico

House of Cards è una delle serie più note del mondo dell’intrattenimento recente, tra le prime distribuzioni Netflix di un certo spessore. La realizzazione, ideata e prodotta da Beau Willimon, ha visto la presenza dell’iconico David Fincher (Seven, Gone Girl) alla regia. Purtroppo però, oltre per motivi qualitativi, lo show è divenuto tristemente noto per lo scandalo sessuale che ha coinvolto come una valanga Kevin Spacey, star di Hollywood che è stato protagonista dell’opera per ben 5 stagioni. In seguito alle accuse nei suoi confronti, la produzione ha pensato bene di licenziare e conseguentemente escludere totalmente Spacey dalla sesta e ultima stagione, uccidendo direttamente il personaggio.

Kevin Spacey - Cinematographe.itIn seguito a tale evento accaduto per House of Cards, Kevin Spacey si è visto tagliare altri ponti dall’industria cinematografica e seriale hollywoodiana, ma nonostante sembrava che la relazione tra l’attore e la serie fosse finita già da un pezzo, ecco che dobbiamo purtroppo smentirci. Come riportato da Variety, infatti, il divo è stato invitato caldamente dalla compagnia a risarcirla con 31 milioni di dollari, in quanto ha violato il contratto con MRC, che prevede una policy specifica contro le molestie sessuali. Per la precisione, Spacey e le sue società, M. Profitt Productions e Trigger Street Productions, sono state condannate a pagare $ 29,5 milioni di danni più $ 1,2 milioni di spese legali e $ 235.000 di costi.

Una cifra davvero considerevole quella mossa dalla crew di House of Cards che non fa che affossare ulteriormente un attore già ampiamente preso di mira negli ultimi anni. Già nel momento in cui Spacey fu accusato di molestie fu evidente che l’industria cinematografica americana lo avrebbe messo in disparte quasi in eterno e mano a mano che il tempo passa, la sua figura è sempre più avvolta dall’oscurità più nera.

Leggi anche House of Cards – Stagione 6: recensione della stagione finale

SourceVariety

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Ho tutto il tempo che vuoi: in esclusiva su RaiPlay il corto sul fenomeno Hikikomori

Ho tutto il tempo che vuoi è diretto da Francesco Falaschi in collaborazione con gli allievi della Scuola di...

Articoli correlati