Harrison Ford: L’infortunio che ha cambiato Star Wars: Il Risveglio della Forza

Se Harrison Ford non si fosse rotto la caviglia sul set di Star Wars: Il Risveglio della Forza, la produzione avrebbe generato un prodotto finale molto diverso. Mentre molti pensavano che il film non sarebbe arrivato al traguardo con l’infortunio di Ford, ora la verità è trapelata e afferma lo stesso J.J. Abrams che senza quella disgrazia il film avrebbe avuto un taglio totalmente differente

“Quando ero sul set del Millennium Falcon e abbiamo iniziato a fare il lavoro con Rey e Finn, la prima volta che l’abbiamo fatto, non ha funzionato per niente”, ha detto Abrams al Tribeca Film Festival. “È stato molto più controverso. Io non dirigo bene. È stato istituito tutto sbagliato, e quando Harrison Ford si è infortunato, dopo dei giorni davvero spaventosi abbiamo finito per avere un paio di settimane di riposo, ed è stato in quel periodo che ho davvero avuto modo di guardare a ciò che avevamo fatto e riscrivere tutto da capo. Così, quando siamo tornati a lavorare di nuovo, in realtà abbiamo solo rigirato da zero quelle scene. È stata una cosa straordinariamente utile per avere un risultato finale degno di nota”.

È difficile immaginare Rey e il rapporto di Finn diverso dal modo in cui abbiamo visto l’anno scorso: condito con rispetto, divertimento, e anche un po’ di ammirazione per l’altro. Abrams ha anche affrontato le lamentele dei fan che stanno sostenendo che l’Episodio VII è solo un remake dell’Episodio IV.

“La cosa strana di quel film è che era passato tanto tempo da quando uscì l’ultimo”, dice Abrams. “Ovviamente di prequel ne esistevano in mezzo e volevamo una sorta di recupero della storia”, ha detto Abrams. “Così abbiamo la consapevolezza che è stato deriso per questo, siamo molto consapevoli di aver preso in prestito battute familiari, ma sicuramente l’ultimo episodio di Star Wars è davvero a se stante”.

Articoli correlati