Guardiani della Galassia Vol. 3 rinviato a causa del licenziamento di James Gunn?

Una prospettiva davvero incredibile quella del licenziamento di James Gunn da Guardiani della Galassia Vol. 3, il film potrebbe essere rinviato

La dipartita di James Gunn da Guardiani della Galassia Vol. 3 potrebbe alterare la data d’uscita del film?

Lo sceneggiatore e regista James Gunn che ha diretto i primi due film di Guardiani della Galassia è stato licenziato da Disney dopo che sono stati messi in luce tweet passati offensivi e inappropriati pubblicati dal regista, e il licenziamento potrebbe influire sulla data prevista per il 2020 dei Guardiani della Galassia Vol. 3.

James Gunn licenziato da Guardiani della Galassia Vol. 3

Lo studio di proprietà Disney, che ospita diversi titoli di serie A del franchise, tra cui Avengers e Black Panther, non ha ancora commentato la decisione su Gunn.

Il capo dei Marvel Studios, Kevin Feige, ha rivelato che alla fine del mese scorso Gunn “ha consegnato una bozza e iniziava la pre-produzione ufficiale proprio in quel momento, molto presto”, aggiungendo che il film avrebbe iniziato le riprese all’inizio del prossimo anno.

Mentre tutto era pronto per la pre-produzione e un inizio delle riprese programmato per gennaio, Guardiani della Galassia Vol. 3 ora deve cercare un nuovo regista – e la perdita della sua forza creativa primaria potrebbe spingere la produzione ad allontanarsi dalla data d’uscita prevista per maggio 2020.

Gunn ha confermato che la Marvel stava guardando a una premiere del 2020 e i commenti fatti dal regista il 30 aprile hanno fatto riferimento a un possibile 1 maggio del 2020 come data della premiere del film, quando Gunn ha detto che il film sarebbe uscito “due anni da oggi o più o meno”.

La Disney ha già riservato altre due date per il 2020 per una coppia di produzioni Marvel Studios sconosciute: il 31 luglio e il 6 novembre. Marvel potrebbe muoversi rapidamente per assicurarsi un regista e per mantenere il film in pista: se il threequel dovesse tornare indietro per un periodo di tempo significativo, lo spostamento potrebbe alterare drammaticamente la data d’uscita non solo del film ma dell’intero MCU visto che Marvel ha date segnate fino al luglio del 2022.

Marvel ha riscontrato una situazione simile ma non del tutto paragonabile con Ant-Man, che è stato sviluppato dal regista di Bay Driver Edgar Wright, ancor prima che i Marvel Studios emergessero come studio indipendente con Iron Man nel 2008.

Wright è stato assegnato per anni come sceneggiatore e regista nel primo film sul supereroe di dimensioni ridotte, all’epoca datato per novembre 2015 prima che Disney spostasse il suo rilascio a luglio 2015.

Nel 2013, Wright si aspettava di entrare in pre-produzione in ottobre per una data di inizio delle riprese nel 2014. Nel maggio 2014, Marvel e Wright annunciarono che il regista preferito dai fan era uscito dal progetto, citando alcune “differenze creative”. Due settimane più tardi, lo studio si è assicurato la sostituzione del regista con l’attuale Peyton Reed.

La produzione rimase accordate per la metà di agosto e le riprese iniziarono a San Francisco con Reed. Ant-Man ha conservato gran parte della sceneggiatura di Wright e del co-sceneggiatore Joe Cornish dopo alcune rielaborazioni di Adam McKay e del leader Paul Rudd. A luglio 2015, il blockbuster è emerso come un successo inaspettato e ha incassato oltre mezzo miliardo in tutto il mondo.

Per attenuare il colpo del cambiamento repentino di un regista, Marvel potrebbe attingere da uno dei suoi dipendenti “già conosciuti”: Taika Waititi, regista di Thor: Ragnarok, è emerso come un possibile candidato mentre i fan ancora rimangono increduli della decisione di Disney.

Il presidente dei Disney Studios Alan Horn ha condannato la storia dei social media di Gunn venerdì, affermando in una dichiarazione: “Gli atteggiamenti offensivi e le dichiarazioni sul feed Twitter di James sono indifendibili e incoerenti con i valori del nostro studio e abbiamo interrotto i nostri rapporti commerciali con lui”.

ViaCB

Ultime notizie

Ero in guerra ma non lo sapevo: recensione del film di Fabio Resinaro

Ero in guerra ma non lo sapevo racconta gli ultimi giorni di vita del gioielliere Pierluigi Torregiani, ucciso il...

Articoli correlati