Gretel e Hansel: spiegata l’assenza della casa di marzapane

Osgood Perkins spiega perché nel suo Gretel e Hansel non è presente l'iconica casa di marzapane in cui la strega attira i due fratelli protagonisti.

Con Gretel e Hansel, Osgood Perkins ha deciso di portare sullo schermo l’iconica fiaba, coniugando la classicità con elementi nuovi e inaspettati

Bastano poche occhiate per capire come Osgood Perkins, con il suo Gretel e Hansel, abbia voluto sì omaggiare la tradizione insita nella fiaba riportata dai fratelli Grimm, ma al contempo giocare con gli elementi più iconici del racconto, esplorandone alcuni suoi aspetti in modi del tutto inediti. Lo stesso regista ha sottolineato come la sua intenzione fosse quella di combinare il classicismo a un atteggiamento “avanguardistico, progressivo o visionario”.

Una prova di questa volontà è senza dubbio la scelta adottata per la casa di marzapane, che incredibilmente, in Gretel e Hansel, è del tutto assente. Parlando con Bloody-Disgusting, il regista ha spiegato le motivazioni che lo hanno spinto a una simile scelta, che potrebbe essere aspramente criticata dai puristi:

Ci sono alcuni momenti di attesa per il pubblico che volevo assicurarmi, una volta giunti lì, non facessero esclamare: ‘Oddio, è una casa fatta di cibo. Oddio, è una strega vecchia e gobba.’ Volevo assicurarmi che arrivassimo a quei punti cardine e che battessimo un cammino nuovo verso qualcosa di più originale. Perciò non c’è mai stato l’impulso di fare la casa di cibo. A essere onesti, non avrei saputo come farla così elegante. Non avrei saputo nemmeno come farla affascinante, in un certo senso. Improvvisamente, quell’aspetto non è sembrato adatto a ciò che stavamo facendo.

Per scoprire cosa Osgood Perkins è riuscito a fare con la storia dei due giovani fratelli abbandonati nella foresta, dovremo attendere il 23 aprile, data fissata per l’uscita italiana di Gretel e Hansel. A interpretare i due protagonisti troviamo Sophia Lillis e Sammy Leakey.

Articoli correlati