green book cinematographe.it

Il produttore di Green Book Nick Vallelonga spiega come mai, durante il discorso di accettazione dell’Oscar, non hanno ringraziato il pianista Don Shirley

Green Book di Peter Farrelly ha vinto l’Oscar più ambito, quello per il Miglior film, conquistando il più grande onore di Hollywood e battendo concorrenti come Roma e Bohemian Rhapsody.

Il film, che è “ispirato da una vera amicizia” tra il famoso pianista Dr. Donald Shirley e la sua inaspettata guardia del corpo Tony Vallelonga durante un viaggio di lavoro nel 1962, ha attirato molte polemiche durante la stagione dei premi per quasi tutto, dalla sua imprecisione storica a il suo ritratto delle relazioni razziali, ricevendo proteste anche dalla famiglia del protagonista.

Precedentemente, il nipote del Dottor Shirley, Edwin Shirley III, e il fratello, Maurice Shirley, hanno criticato pubblicamente il film in un’intervista con Shadow And Act, riferendosi al ritratto del Dottor Don Shirley come a una “Sinfonia di Bugie”. In aggiunta, i membri della famiglia hanno messo in dubbio anche il rapporto tra i due personaggi principali della pellicola.

Tuttavia, il film ha prevalso nella notte degli Oscar, anche se con un’omissione. Nel backstage, i vincitori del premio per il miglior film sono stati invitati a non ringraziare il Dr. Donald Shirley (interpretato dal vincitore dell’Oscar Mahershala Ali nel lungometraggio) durante il loro discorso di accettazione, oltre all’impatto della controversia che circonda il film, il produttore e sceneggiatore Nick Vallelonga nel backstage è intervenuto spiegando:

Ti innervosisci lassù. Ovviamente abbiamo ringraziato tutti, Mahershala per aver dato a Shirley una grande interpretazione. Per quanto riguarda le controversie, Don Shirley stesso mi ha detto di non parlare con nessuno. Mi ha raccontato la storia che voleva raccontassi, ha protetto la sua vita privata e tutte le altre cose su di lui. Mi ha detto: “Se hai intenzione di raccontare la storia, dillo a tuo padre, a me, a nessun altro, non parlare con nessun altro. Non fare il film finché non sarò morto.”

Ha continuato dicendo: “Così ho mantenuto la mia promessa fatta a quell’uomo, vorrei poter raggiungere la famiglia di Don Shirley, non sapevo nemmeno che esistessero davvero fino a quando non abbiamo realizzato il film. Abbiamo contattato la sua tenuta per la sua musica, e poi i registi, li abbiamo invitati a proiezioni e discussioni. Personalmente non avevo il permesso di parlare con la sua famiglia, secondo i desideri di Don Shirley. Ho mantenuto la mia parola.”

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto