Giuseppe Sciarra: il regista foggiano fa coming-out come non binario

Il regista foggiano, noto per i suoi cortometraggi, ha dichiarato di non sentirsi né uomo né donna.

Da leggere

Annette: recensione del film con Adam Driver e Marion Cotillard

Leos Carax, autore di ipotizzanti opere quali Pola X e Holy Motors, ritorna dopo 9 anni sulla scena con...

Malignant: per James Wan il film è “la versione horror di Frozen”

In una recente intervista James Wan ha dichiarato che il suo Malignant, attualmente al cinema, ha diverse punti in...

Supernova: recensione del film con Colin Firth e Stanley Tucci

Due uomini. Un camper. Un viaggio. Questi sono alcuni degli elementi di Supernova, presentato alla scorsa Festa del Cinema...

“Non mi sento né uomo né donna”: così il regista pugliese Giuseppe Sciarra fa coming-out e si dichiara non binario

Nel suo cortometraggio Ikos, intepretato da Edoardo Purgatori (Le fate ignoranti, serie TV), il regista denunciava episodi di bullismo subiti nel corso della sua adolescenza in un paese in provincia di Foggia. Recentemente Giuseppe Sciarra (Venere è un ragazzo) ha spiegato qual è la sua identità di genere.

Mi sentivo una bambina. Mi piaceva stare con le bimbe e mi identificavo nel genere femminile. I bambini non mi piacevano. Li trovavo troppo rudi e maneschi.  Poi man mano crescendo sono cambiato e mi sono identificato più col genere maschile, inizialmente per costrizione e poi perché ha incominciato a piacermi fare a botte e essere più rude. In entrambi i casi ho vissuto queste mie due identità con gioia e sofferenza. Non come avrei voluto.

Credo di essere giunto a una fase splendida della mia vita in cui dopo aver sperimentato la mia parte femminile e quella maschile, sento che posso andare oltre e essere libero. Chiamatemi come volete! Non mi sento né uomo né donna, vado al di là delle categorie e vivo la mia natura e le mie azioni senza doverle necessariamente etichettare aderendo al di là cliché. Voglio essere a modo mio. Come dico io e se per qualcuno è un problema non lo per me è. Mi dispiace che non sia in pace con se stesso.

Sciarra ha anche parlato del DDL Zan:

Trovo scandaloso e ridicolo che questa legge abbia subito tanto ostracismo da gente come Pillon  che considero un frustrato oltre che un personaggio indegno di ricoprire un ruolo politico all’interno del nostro paese. Dobbiamo lottare affinché questa legge venga approvata. Scendere in piazza e fare una rivoluzione se è necessario. Basta subire passivamente il volere di certi personaggi del mondo della politica.

Ultime notizie

Annette: recensione del film con Adam Driver e Marion Cotillard

Leos Carax, autore di ipotizzanti opere quali Pola X e Holy Motors, ritorna dopo 9 anni sulla scena con...

Articoli correlati