Giorgio Faletti e la terribile malattia tenuta nascosta che lo ho portato via troppo presto

Giorgio Faletti se ne è andato a 63 anni per una terribile malattia: ecco quale!

Da leggere

Ho tutto il tempo che vuoi: in esclusiva su RaiPlay il corto sul fenomeno Hikikomori

Ho tutto il tempo che vuoi è diretto da Francesco Falaschi in collaborazione con gli allievi della Scuola di...

Zerocalcare consiglia le sue serie preferite su Netflix descrivendo le trame… a modo suo!

È senza dubbio la serie del momento, e stavolta è tutta made in Italy. Strappare lungo i bordi, la...

Trafficante di virus: recensione del film di Costanza Quatriglio

Costanza Quatriglio traspone nel suo ultimo lungometraggio l'autobiografia della virologa italiana Ilaria Capua, Io, trafficante di virus. A partire da...

Block title

Scrittore, attore, cantautore, comico e cabarettista italiano. Giorgio Faletti è stato un artista poliedrico ed è forse per questo che, nonostante sia passati diversi anni dalla sua scomparsa, la sua arte è ancora vivida nella nostra memoria. C’è chi lo ricorda per aver dato vita al personaggio di Vito Catozzo negli anni del Drive In, chi per aver interpretato il prof. Antonio Martinelli in Notte prima degli esami, e chi come scrittore di gialli come Io uccido. Ha esalato il suo ultimo respiro il 4 luglio del 2014, a soli 63 anni, per una terribile malattia.

La malattia di Giorgio Faletti

giorgio faletti, cinematographe.it

 

 

Giorgio Faletti è morto il 4 luglio 2014 all’ospedale Molinette di Torina per un tumore ai polmoni. La sua morte non solo ha scosso l’opinione pubblica, ma anche molti amici e colleghi. Faletti, infatti, rivelò le sue precarie condizioni di salute solo a pochi intimi. Nella primavera dello stesso anno, l’attore si recò a Los Angeles per una serie di cure insieme al suo grande amico Massimo Cotto, che era con lui anche nelle ultime ore in ospedale.

Cotto ha rivelato, nel corso di un’intervista al Corriere della Sera, che negli ultimi giorni Faletti era incosciente e non parlava più. Ciononostante, ha raccontato un piccolo aneddoto del loro soggiorno a Los Angeles. “Eravamo a cena insieme e lui mangiava con grande appetito. Gli dissi “Il tumore non ti ha tolto la fame”. Lui mi rispose “Una sola cosa mi ha tolto il tumore. La progettualità. E se tu togli a un artista l’illusione dell’immortalità quando è in vita, allora gli togli tutto. E adesso questa è l’unica cosa che mi angoscia”“.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Ho tutto il tempo che vuoi: in esclusiva su RaiPlay il corto sul fenomeno Hikikomori

Ho tutto il tempo che vuoi è diretto da Francesco Falaschi in collaborazione con gli allievi della Scuola di...

Articoli correlati