Torino Film Festival: settimo giorno

Da leggere

Mariangela Melato e quella grave malattia da cui pensava di essere guarita e che invece stroncò la sua vita a 71 anni

È stata una delle più grandi attrici del mondo del teatro italiano, ma è grazie al cinema che ha...

Miriam Leone si sposa e la foto postata poco prima delle nozze rivela tutta l’emozione e l’amore per il futuro marito [FOTO]

Il matrimonio di Miriam Leone, in data 18 settembre 2021, con il manager e musicista Paolo Carullo, era già...

Nastri D’Argento 2021: Petra, Romulus e Il Commissario Ricciardi sono le serie dell’anno

In occasione della prima edizione dei Nastri D'argento Grandi Serie Internazionali, il premio serie dell'anno è stato assegnato a...

Oggi al via le ultime proiezioni stampa del 32TFF, tra cui Wild di Jean-Marc Vallèe, nonché film di chiusura del Festival. Prodotto ed interpretato da Reese Witherspoon, sceneggiato da Nick Hornby e diretto da Jean-Marc Vallée (Dallas Buyers Club), Wild racconta la storia vera di Cheryl Strayed, che in seguito ad una vita costellata di errori decide di avventurarsi lungo il Pacific Crest Trail, dal Messico al Canada, per lasciarsi alle spalle il suo orrendo passato. A sottolineare i 1600 chilometri fatti a contatto con la natura, i brani dei R.E.M., Bruce Springsteen, Leonard Cohen, Simon & Garfunkel, Portished e Pat Metheny.

Il film è molto toccante ed affascinante, rapisce lo spettatore a tal punto da far si che esso s’immedesimi  nei drammi amorosi e familiari di questa giovane donna. L’avventura lungo il Pacific Crest Trail, rappresenta il percorso da compiere per ritrovare se stessa, il suo IO che tra gli eccessi della droga e del sesso era andato perso. Adattamento per il cinema del best seller di Cheryl Strayed, Wild è la storia di una donna in fuga nella natura selvaggia per trovare se stessa. Protagonista del film è Reese Witherspoon che per l’occasione ha vestito i panni di Cheryl Strayed, una giovane donna che si ritrova a dover fare i conti con un divorzio, con la morte della madre che apre in lei una voragine.

Dario Argento
Dario Argento

Dal drammatico, passiamo all’horror con la proiezione, al cinema Reposi, del film “Profondo Rosso” di Dario Argento. A presentare la proiezione serale è proprio lo stesso regista. Tra il film culto del cinema horror italiano e la città di Torino c’è un legame speciale. La fontana dove ha luogo il colloquio tra Carlo ubriaco e Marc, è la Fontana del Po, in Piazza C.L.N.(tra via Roma e Piazza San Carlo) ed ancora Il palazzo dove viene uccisa la sensitiva Helga e dove vive anche Marc è sito in Piazza C.L.N.(tra via Roma e Piazza San Carlo), di fronte al civico 222.

Ultime notizie

Mariangela Melato e quella grave malattia da cui pensava di essere guarita e che invece stroncò la sua vita a 71 anni

È stata una delle più grandi attrici del mondo del teatro italiano, ma è grazie al cinema che ha...

Articoli correlati