Festival di Berlino 2020: ecco il programma completo

My Salinger Year, con Sigourney Weaver e Margaret Qualley aprirà la manifestazione che si svolgerà dal 20 febbraio all'1 marzo.

Da leggere

Annette: recensione del film con Adam Driver e Marion Cotillard

Leos Carax, autore di ipotizzanti opere quali Pola X e Holy Motors, ritorna dopo 9 anni sulla scena con...

Malignant: per James Wan il film è “la versione horror di Frozen”

In una recente intervista James Wan ha dichiarato che il suo Malignant, attualmente al cinema, ha diverse punti in...

Supernova: recensione del film con Colin Firth e Stanley Tucci

Due uomini. Un camper. Un viaggio. Questi sono alcuni degli elementi di Supernova, presentato alla scorsa Festa del Cinema...

Ecco tutti i titoli che verranno presentati durante la Berlinale di quest’anno. Saranno in competizione sei registe donne su 18 film complessivi

Da poco è stato rivelato il programma completo del Festival di Berlino 2020 che si svolgerà dal 20 febbraio all’1 marzo. Il direttore esecutivo della manifestazione sarà Mariette Rissenbeek, mentre quello artistico sarà Carlo Chatrian. Tra i titoli selezionati ci sono quelli appartenenti a registi come Sally Potter, Kelly Reichardt, Hong Sangsoo, Philippe Garrel, Rithy Panh, Tsai Ming-Liang e Christian Petzold. Sei dei 18 film selezionati nella line-up sono stati realizzati da registe donna. My Salinger Year, con Sigourney Weaver e Margaret Qualley aprirà la manifestazione.

Ecco la lista completa dei film in concorso.

In competizione 

Berlin Alexanderplatz (Germany/Netherlands) – Burhan Qurbani
DAU. Natasha (Germany/Ukraine/UK/Russia) – Ilya Khrzhanovskiy e Jekaterina Oertel
The Woman Who Ran (Korea) – Hong Sangsoo
Delete History (France/Belgium) – Benoît Delépine e Gustave Kervern
The Intruder (Argentina/Mexico) –  Natalia Meta
Favolacce (Italy/Switzerland) – Damiano D’Innocenzo e Fabio D’Innocenzo
First Cow (USA) – Kelly Reichardt
Irradiated (France/Cambodia) – Rithy Panh
The Salt Of Tears (France/Switzerland) – Philippe Garrel
Never Rarely Sometimes Always (USA) – Eliza Hittman
Days (Taiwan) – Ming-Liang Tsai
The Roads Not Taken (UK) – Sally Potter
My Little Sister (Switzerland) – Stéphanie Chuat e Véronique Reymond
There Is No Evil (Germany/Czech Republic/Iran) – Mohammad Rasoulof
Siberia (Italy/Germany/Mexico) – Abel Ferrara
All the Dead Ones (Brazil/France) – Caetano Gotardo e Marco Dutra
Undine (Germany/France) – Christian Petzold
Hidden Away (Italy) – Giorgio Diritti

Berlinale Special Gala at Berlinale Palast
Onward (USA) – Dan Scanlon

Berlinale Special Gala at Friedrichstadt-Palast
Curveball (Germany)- Johannes Naber

Berlinale Special at Haus der Berliner Festspiele
DAU. Degeneration (Germany/Ukraine/UK/Russia) – Ilya Khrzhanovskiy, Ilya Permyakov (series)
Speer Goes to Hollywood (Israel) – Vanessa Lapa (documentario)

Ultime notizie

Annette: recensione del film con Adam Driver e Marion Cotillard

Leos Carax, autore di ipotizzanti opere quali Pola X e Holy Motors, ritorna dopo 9 anni sulla scena con...

Articoli correlati