Emilia Clarke: la malattia e quelle foto dopo gli interventi al cervello: “una parte del mio cervello è morta”

La vita di Emilia Clarke è stata sconvolta per ben due volte tra il 2011 e il 2013.

È arrivata al successo grazie al ruolo di Daenerys Targaryen nella celebre serie tv Il Trono di Spade, e oggi è una delle attrici più amate dal pubblico. L’attrice Emilia Clarke non è riuscita del tutto a godersi il successo che l’ha travolta a causa di una malattia che l’ha spaventata e non poco e che le fatto temere di perdere la vita.

La malattia di Emilia Clarke

Il Trono di Spade - Emilia Clarke - Cinematographe

Nel 2019, durante un’intervista al The New Yorker, l’attrice inglese ha rivelato di essere stata colpita da un aneurisma cerebrale. Il tutto è iniziato nel febbraio 2011. Dopo aver terminato le riprese della prima stagione de Il Trono di Spade, Emilia Clarke, mentre si allenava in palestra, ha sentito improvvisamente un dolore atroce – come se un elastico si fosse spezzato – un enorme pressione in testa.

I medici le hanno diagnosticato un ictus e un’emorragia all’interno del cervello e l’hanno subito operata d’urgenza. Dopo l’intervento, l’attrice si è dovuta sottoporre ad una lunga ed estenuante  riabilitazione. Nel 2013, si è sottoposta ad un nuovo intervento per via di un’emorragia cerebrale causata da un secondo aneurisma. Dopo questa operazione, l’attrice si è ristabilita completamente.

La paura più grande di Emilia Clarke non è stata tanto morire, ma quella di non poter più recitare per via del danno al cervello:

Ero in una paranoia profonda. Per gran parte della giornata pensavo ” Una parte del mio cervello è morta. E se qualcosa è andato storto e non posso più recitare? Se non riesco più a ricordare le battute”.

Durante il periodo di riabilitazione dal secondo aneurisma, Emilia Clarke ha confessato di essere entrata di depressione ma ha trovato la forza di reagire proprio grazie a Daenerys Targaryen:

Andare ogni giorno sul set, interpretare una tosta, camminare attraverso il fuoco mi ha aiutato tanto.

Articoli correlati