Dwayne Johnson e l’inaspettato intervento di chirurgia estetica: The Rock spiega perché si è rifatto… il seno!

Nonostante il fisico scolpito, l'ex star della WWE non ha resistito al fascino del "ritocchino"!

Dalla parlantina sciolta fin dai tempi in cui calcava i ring di wrestling, Dwayne Johnson, aka The Rock, ha stregato Hollywood. Dotato di un carisma più unico che raro si è sdoganato dalla WWE diventando un’icona cinematografica. Lanciato dal ruolo da protagonista ne Il Re Scorpione, la star di origini samoane, ma nata negli USA (il 2 maggio 1972 a Hayward, in California) ha preso parte a diversi film e franchise di notevole successo. Come Luke Hobbs è stato scritturato in Fast and Furious dal quinto capitolo per poi dividere la scena insieme a Jason Statham nella serie spin-off Hobbs & Shaw.

Dwayne Johnson: perché si è sottoposto alla mastoplastica riduttiva

Johnson Dwayne

A valergli la consacrazione planetaria, due tratti distintivi: il sorriso smagliante e il fisico, scolpito da duri allenamenti. Non per niente, era lui Hercules nell’omonima pellicola di Brett Rattner…

Eppure, anche Dwayne Johnson aveva un problema con il proprio corpo. Per superare il disagio ha gli è toccato a un intervento di chirurgia estetica, abbastanza anomala per un uomo. Lo stesso Brahma Bull lo ha rivelato in un’intervista concessa qualche tempo fa. I fatti risalgono ai primi anni Duemila, quando ancora attendeva la totale affermazione nello showbiz a stelle e strisce.

The Rock Roman Reign - Cinematographe.it

Allora Dwayne Johnson nutriva un senso di “incompiutezza” riguardo all’aspetto. In particolare, il suo petto gli provocava imbarazzo. Mentre i comuni mortali potrebbero solo sognarsi di avvicinarsi a certi standard, Rocky pensava che qualcosa andasse rivisto. Così ha deciso di sottoporsi alla mastoplastica riduttiva, vale a dire l’eliminazione o riduzione della massa grassa dei pettorali.

Poiché il presunto difetto permaneva, Dwayne Johnson si è convinto a interpellare un esperto. L’operazione gli ha permesso di riacquisire sicurezza in sé stesso e, in fin dei conti, si è rivelata appropriata pure dal punto di vista professionale. Le offerte dei registi gli sono piovute una dopo l’altra e, beh, il resto è storia!

Leggi anche Buon compleanno Jacques Audiard! I 5 migliori film del regista, da Il Profeta a un Un sapore di ruggine e ossa

Articoli correlati