Don’t Look Up: Ron Perlman risponde alle critiche in maniera colorita!

Il noto attore, che all'interno del film di Adam McKay incarna il colonnello Ben Drask, non c'è andato certo leggero.

Don’t Look Up è stato accolto in maniera mista dalla critica

Don’t Look Up è il nuovo film Netflix diretto e scritto da Adam McKay (La grande scommessa, Vice) in cui una cometa gigantesca minaccia la Terra e nonostante il momento allarmante e drammatico, tutti gli abitanti del pianeta, dai politici ai giornalisti, ignorano la cosa finché non è effettivamente troppo tardi…  Il lungometraggio è stato accolto in maniera mista dalla critica e molti utenti, sia esperti che non, si sono scagliati contro il titolo, dicendo che è banale, scontato e superficiale. Uno degli attori del progetto, il mitico Ron Perlman (Hellboy, Monster Hunter) ha deciso di rispondere a modo suo alle accuse.

Il divo, ai microfoni di Variety, si è scatenato, non andando di certo per il sottile, ma spiegando in maniera perfetta la sua posizione in merito.

Fan**** a voi, alla vostra presunzione e a questo bisogno che si autoperpetua di dire tutto ciò che è negativo su qualcosa solo per ottenere un po’ di attenzione per qualcosa che non avevate idea di creare. È corrotto. Ed è malato. Ed è contorto. È parte di come Internet ha quasi ucciso il giornalismo. E ora il giornalismo sta cercando di fare tutto il possibile per cooptare e mantenere la propria importanza.

Don’t Look Up è prodotto da Bluegrass Films e Hyperobject Industries con la distribuzione ovviamente di Netflix. Il cast, invece, vede il coinvolgimento anche di Leonardo DiCaprio nella parte del Dr. Randall Mindy, Jennifer Lawrence che presta il volto alla Dott.ssa Kate Dibiasky, Cate Blanchett nella parte di Brie Evantee, Meryl Streep che interpreta il Presidente Janie Orlean e molti altri ancora. Dopo una sosta nelle sale da inizio dicembre, la realizzazione è arrivata direttamente su Netflix il 24 dicembre 2021.

Leggi anche Don’t Look Up, il regista: “Accetto le critiche, ma alcune sono veramente assurde”

Articoli correlati