Ca’ Foscari Short Film Festival 2022: trionfa Fantasma Neon, tutti i vincitori

Iran e Brasile portano a casa più di un premio al Ca' Foscari Short Film Festival 2022, di cui vi sveliamo tutti i vincitori.

Il Ca’ Foscari Short Film Festival 2022 si è accomiatato dal pubblico veneziano nella serata finale, in occasione della quale sono stati annunciati i vincitori dei diversi concorsi.

Anche questa dodicesima edizione è stata costellata di ospiti illustri e corti realizzati dai migliori studenti di università e scuole di cinema. Il festival ha rinnovato la propria collaborazione con PROMOVETRO – Vetro Artistico di Murano, consorzio i cui mastri vetrai hanno realizzato i premi consegnati nelle mani dei vincitori sul palco dello storico Auditorium Santa Margherita. Inoltriamoci dunque nella lista dei vincitori del Ca’ Foscari Short Film Festival 2022.

Dei 30 corti in gara selezionati fra migliaia proposti, a trionfare nel Concorso Internazionale è stato il brasiliano Fantasma Neon, diretto da Leonardo Martinelli. La giuria internazionale (a comporla la regista e attrice francese Coline Serreau, il regista italiano Francesco Montagner e la curatrice di festival italiana Marina Mottin) ha menzionato “la forza con cui mostra tutta la disperazione” dei personaggi e le scelte cromatiche “audaci e bellissime nella loro crudezza” tra i motivi che hanno portato alla scelta del corto brasiliano, che dipinge la condizioni dei rider sullo sfondo di una Rio de Janeiro che appare sorda e cieca nei confronti dei propri figli.

Gli stessi giurati hanno poi attribuito a Congenital la Menzione speciale “Museo Nazionale del Cinema” per l’opera che offre il miglior contributo artistico al cinema. Storia di Raja, adolescente di un villaggio appartenente al Terzo Genere, il corto iraniano è firmato da Saman Hosseinpuor e Ako Zandkarimi, vincitori lo scorso del Concorso Internazionale con Digari – The Other. A conquistare, del film, è stato il suo “trascendere le categoria sia cinematografiche che di genere”, indagando “I dilemmi universali classici del miglior cinema iraniano e persiano”.

ca' foscari short film festival, cinematographe.it
Congenital, corto iraniano premiato per il miglior contributo artistico al cinema

Premiato anche Safe dello statunitense Ian Barling, che ha fatto propria la Menzione speciale “Le Giornate della Luce” per la miglior fotografia. Il riconoscimento è stato assegnato da una giuria di professionisti del settore formata da Luca Pacilio, Donato Guerra e Silvia Moras.“In un modo quasi impalpable”, la fotografia del corto riesce avvolgere i personaggi colpendo per la sua “meticolosa attenzione a ogni dettaglio”.

Una giuria composta da Roberto Calabretto, Daniele Furlati e Paolo Troncon ha invece conferito il Premio Levi per la miglior colonna sonora, offerto dalla Fondazione Ugo e Olga Levi, al brasiliano Céu de Agosto (The August Sky). Storia di un’infermiera incinta in preda ai dubbi sullo sfondo di un’Amazzonia in fiamme, il cortometraggio di Jasmin Tenucci è stato lodato per il suo “tentativo di trovare un’identità del suono applicato alle immagini del film”. 

Leggi anche: Luca Bigazzi sul suo lavoro: “Non ha senso se non è visto al cinema” [Intervista]

Medessè Agohoundjè, originario del Benin, fa suo il Premio “Pateh Sabally” grazie a Une autre blanche (Another white girl). Il riconoscimento è offerto dalla Municipalità di Venezia, Murano, Burano ed è dedicato alla memoria del ragazzo gambiano scomparso nelle acque del Canal Grande nel 2017. La storia della ventenne Sètchémè, ragazza albina che non riesce ad accettare se stessa, ha colpito per il suo sapere “arricchire e ampliare gli orizzonti”, promuovendo “la dolcezza e la forza della diversità”. Il regista si è anche visto riconoscere la Menzione Speciale “WeShort”, dedicata a quei lavori che meglio sperimentano con il linguaggio cinematografico, convincendo per le scelte di inquadrature e montaggio definite “originali e non convenzionali”.

ca' foscari short film festival, cinematographe.it
Une autre blanche, che porta a casa il Premio “Pateh Sabally” e la Menzione Speciale “WeShort”

Giunto alla sua nona edizione, il Premio “Olga Brunner Levi” ha invece visto il trionfo di Sound of Borders. Istituito dalla Fondazione Ugo e Olga Levi, in collaborazione con il Ca’ Foscari Short Film Festival, è rivolto ai corti firmati da studenti delle scuole superiori di secondo grado di tutto il mondo che abbiano come tema principale la performance musicale femminile o il rapporto tra condizione femminile e la musica nella storia. I giurati Roberto Calabretto, Marco Fedalto e Cosetta Saba hanno individuato il vincitore nel lavoro di Bahar Rezvanifar apprezzandone il comparto sonoro così come “l’uso efficace della tecnica di animazione”, attraverso cui la giovane regista iraniana immagina come sarebbe la sua vita se fosse nata in Paesi diversi.

Tra i videoclip musicali realizzati da studenti di cinema o universitari selezionati per il Music Video Competition, il vincitore è stato individuato nel britannico The Art of Conversation di Jack Osmond, realizzato per il brano dell’EP A Consequence of Hindsight dello stesso regista. Il video ha convinto per il modo in cui unisce collage, stop-motion e animazione 2D, che rafforzano la “genuina realtà musicale” dell’autore.

Carpenè-Malvolti, la Cantina che dallo scorso anno figura tra gli sponsor del festival, ha invece premiato I, the Wine. Con il suo lavoro, Ville Niemi ha conquistato la storica azienda vinicola, alla ricerca di una sceneggiatura da trasformare in un corto su Antonio Carpenè, fondatore della Cantina, e alla storia delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene, patrimonio UNESCO. Particolarmente apprezzata la capacità del finlandese Niemi di ritrarre “in modo empatico l’atmosfera del periodo in cui vive il protagonista” oltre all’attenzione dimostrata nei confronti della storia dell’azienda.

La cerimonia di premiazione del Ca’ Foscari Short Film Festival 2022 è stata chiusa da Chasing, esibizione di Simone Arganini. Con un’edizione che si chiude, lo sguardo volge già al prossimo anno, con lo Short (così è appellato l’evento dai tanti appassionati che lo frequentano ogni anno) che, siamo sicuri, sarà presto nuovamente al lavoro per portare immancabilmente la magia della settima arte sul suolo veneziano. Di seguito, il video completo della serata finale.

Articoli correlati