Avete mai visto la casa di Patrick Dempsey? In origine era un atelier e un sorprendente dettaglio la rende davvero unica nel suo genere

Si trova a Malibu ed è la casa dei sogni di chiunque per la tranquillità che trasmette. Ecco la casa di Patrick Dempsey,

Da leggere

Found: Ritrovate – recensione del docufilm Netflix di Amanda Lipitz

Diretto dalla regista e produttrice di Step, docufilm sulla step dance in un liceo di Baltimora, Found: Ritrovate, disponibile...

Marta Russo. Il delitto della Sapienza: recensione del film Rai

Un giorno come tanti, uno di quelli in cui si sopravvivere, accarezzando il proprio dolore e ricordando chi non...

SIC: il documentario dedicato a Marco Simoncelli arriva al cinema

A dieci anni dalla sua tragica scomparsa di Marco Simoncelli, arriva al cinema SIC: il documentario di Sky Original...

Block title

Se andaste a Malibu potreste mettervi alla ricerca della casa di Patrick Dempsey, un bellissimo fabbricato – un tempo atelier – costruito nel 1968 da Frank Gehry per l’artista Ron Davis, condiviso dall’attore con sua moglie Jillian e i loro tre figli.

Quando Patrick Dempsey e sua moglie trovarono questa casa, la facciata e l’impronta originali erano per la maggior parte intatte, ma gli interni erano stati trasformati dai precedenti proprietari, gli imprenditori Sue e Alex Glasscock. La coppia aveva apprezzato però le modifiche apportate dai vecchi proprietari e così hanno deciso di tenerle.

L’abitazione è di circa 464 metri quadrati e si trova su un lotto di terra non edificato, con un vialetto asfaltato e senza spazi verdi all’aperto. Prima di mettere piede in casa i primi cambiamenti avvennero fuori, lo spazio intorno a essa fu riqualificato, fu installato un cortile anteriore e posteriormente fu messo un ambiente pavimentato. Riqualificando la zona verde, furono aggiunti bellissimi posti a sedere e pareti basse fatte con pezzi grezzi di cemento riciclato. Questi dettagli rendevano il lato esterno della casa molto più intimo.

All’esterno è stata aggiunta anche una cucina con un forno per la pizza, una zona pranzo venilata coperta da un baldacchino di vimini intrecciato, capanne e altri recinti dove si trovano alcuni animali della famiglia. Dato che Jillian era molto appassionata di giardinaggio biologico, fu aggiunto anche un piccolo orto.

patrick dempsey, cinematographe.it

La casa all’interno è invece particolarmente accogliente, soprattutto grazie a un dettaglio che ha fatto innamorare non solo la famiglia, ma anche tutti quelli che entrano nella casa. La luce è la cosa principale della dimora. La luce naturale raggiunge ogni angolo della casa, rendendola così chiara e luminosa ed estremamente accogliente e rassicurante.

Leggi anche Ecco com’è la casa di Jeremy Irons. È un sontuoso castello irlandese e potrebbe contenere più “spiriti” di quella del suo film

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Found: Ritrovate – recensione del docufilm Netflix di Amanda Lipitz

Diretto dalla regista e produttrice di Step, docufilm sulla step dance in un liceo di Baltimora, Found: Ritrovate, disponibile...

Articoli correlati