anthony hopkins

Anthony Hopkins si è notoriamente allontanato da decenni dal lavoro a teatro, ma sembra fare il suo ritorno in scena (o quasi) in The Dresser di Starz, che è uscito in anteprima il 30 maggio. Il film per la TV è un adattamento dell’opera teatrale del 1980 di Ronald Harwood, ambientato nella Londra della Seconda Guerra Mondiale e che parla di un anziano attore, Sir (Hopkins), che si trova in difficoltà nel preparare la sua perfomance del King Lear. Il suo fedele costumista, Norman, interpretato da Ian McKellen, lo spinge e lo sprona, insieme con un cast di attori di serie A (Emily Watson, Sarah Lancashire). È in definitiva una storia struggente, dice Hopkins. “Delusione, perdita , l’amore mai soddisfatto. E la fatica del solo andare avanti.” In conclusione, definisce il suo personaggio come “solo un vecchio solitario e fuorviato.”

Anthony Hopkins: perché ho scelto di interpretare The Dresser

Perché ha deciso di dedicarsi a questo progetto?

Ho visto Freddie Jones e Tom Courtenay metterlo in scena molti anni fa. Perfomance meravigliose. E poi ho visto il film. Ronald Harwood mi disse che mi voleva per farlo sul palco. Non l’ho dimenticato. Ma non lo volevo fare sul palco. A quel punto avevo già fatto i bagagli e abbandonato il teatro inglese. Così quando chiesero ai miei agenti “sarebbe possibile farlo come film,” io dissi di chiedere a Colin Callender. Un produttore meraviglioso, uno dei migliori, perché si tiene tutto per sé e poi esce fuori con il prodotto finito. E poi Sir Ian è salito a bordo. E ho pensato “perfetto. Ora so come farlo.”

Parlando di com’è lavorare con Ian McKellen. Com’è stata quell’esperienza?

Non avevo mai lavorato con Ian. Lo avevo visto, lo ammiravo. Eravamo socievoli, amichevoli. Ero andato nel backstage per vederlo in Iago. Se eravamo al National Theater insieme, ci salutavamo. Ma non ci conoscevamo. È stato il momento migliore della mia vita. È un attore eccezionale con cui lavorare. Generoso e gentile. Mi ha detto “Non ero sicuro di come saresti stato. Pensavo che forse saresti stato esigente.” Non è stato per niente come una lotta tra gladiatori (tra di noi). Se ammiri qualcuno, hai rispetto reciproco per loro. Ci vai d’accordo. Non litighi. Non puoi farlo funzionare in quel modo. Diventa una vera collaborazione di rispetto e amore. Ed è questo quello che abbiamo avuto qui. Una cosa fantastica. Tutti gli attori hanno un ego. Lo devi avere. Ma Ian non è fatto così. È scrupoloso. Ama farlo. Io amo farlo. È tutto quello che serve.

Come si è sentito all’idea che questo fosse un film per la televisione?

Ho adorato l’idea. Non ero certo di come avrebbero funzionato le cose. Richard (Eyre, il regista) ha detto che sarebbe stato per la BBC così lo abbiamo girato su un set piuttosto contenuto. Non lo abbiamo portato in luoghi esterni come avevano fatto per il film. L’abbiamo tenuto semplicemente nel set ristretto del camerino. E poi del teatro. Io non vedo molte differenze tra film per la tv e per il cinema. La televisione è più rapida. Ma questo, sono rimasto stupito che Richard avesse programmato tutto in modo da filmarlo velocemente. Quando gli ho parlato mi ha detto che avevamo una scaletta per filmare stupidamente corta, forse 21, 25 giorni. Ho pensato “è impossibile” ma ce l’ha fatta. Ha preparato la sua camera e l’ha fatto.

La TV l’attrae di più rispetto al cinema in questo periodo?

Sto girando uno show per la HBO chiamato Westworld e mi sto godendo il lavoro della HBO. Mi piacerebbe farne un altro con la BBC. Ian ha detto che spera faranno altri di questi spettacoli classici. Gli spettatori a Londra lo hanno amato, così come i critici. Non c’è nulla di sicuro, solo voci. Ma agli spettatori è piaciuto. E piacerà anche a un pubblico americano. Guardi un film e non sai chi sta inseguendo chi in una scena di macchine. Non riesco a guardarlo. Ci provo a guardare questi film e sono così annoiato. Chi se ne importa? Fanno sesso. Andiamo! Non sono nato ieri. E questi inseguimenti di auto. Dio santo! È troppo. È così noioso. Tutti parlano sussurrando perché fa tanto sexy. Non è sexy. Non si sente! Sono solo un vecchio Grinch. Guardi il film e puoi vedere l’atteggiamento dell’attore. Pensano: “Sono fico c***o.”

Cosa ci può rivelare di Westworld?

Mi è piaciuto. Ricordi Jurassic Park, il tipo interpretato da Richard Attenborough? Io interpreto quel tipo d’uomo. Lui gestisce Westworld. La cosa interessante del fare TV in questo modo è che non so mai dove sta andando la storia. Io interpreto il Dr. Ford che ha costruito Westworld e tutti quei robot. Ha il controllo totale su tutto. Ma non so dove andrà a finire. Sono solo un uomo ossessionato. Non faccio parti da cattivo.

Quale ruolo vorrebbe ancora interpretare?

Vorrei avere di nuovo la possibilità di essere Lear un giorno. Vorrei farlo di nuovo in un film un giorno. Ne stiamo parlando proprio ora con Colin Callender. Quando stavo facendo The Dresser, pensavo “Dio, ora so come interpretare questa parte. So come farlo adesso.” Ho guardato in me stesso, c’è mio padre e mio nonno. Perché loro erano tenaci. Sono è in me. E so che lo sono anche io. La vita è stata buona con me. Mi sono calmato un po’ ma posso apprezzarla. E Lear riassume l’esperienza complessive di vita e morte. Impazienza. Arroganza.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto