The Ferragnez: i 5 momenti migliori della serie TV Amazon Prime Video

Con solo cinque puntate su otto, rilasciate da Amazon Prime il 9 dicembre, The Ferragnez è forse la docu-serie del 2021 più vista e dibattuta. Chiara Ferragni e il marito Fedez si aprono ad un racconto personale e professionale, convogliando sul (non più) inedito linguaggio documentaristico quello – a loro più consueto – dei social, aggiungendo, se possibile, dettagli più intimi e famigliari della loro ’straordinaria’ quotidianità. Di momenti esilaranti e commoventi, esclusivi e peculiari la serie ne colleziona uno dopo l’altro, ma alcuni sono forse quelli che li raccontano con maggior sincerità. Ecco quali.

1. Babbo Natale (non) esiste

the ferragnez cinematographe.it

Il Natale in Casa Ferragnez si festeggia in grande, e dopo il viaggio di famiglia sul Lago di Como, dove li raggiungono anche le sorelle, i cognati e i rispettivi genitori, per Leone arriva una sorpresa da parte di papà Fedez. Il rapper infatti per stupire il figlio ha pensato di travestirsi da Babbo Natale, ma non indossando i classici abiti rossi e la barba, come potremmo farlo noi con maggior essenzialità, ma passando ben otto ore di trucco cinematografico con tanto di calco, trucco prostetico e rifiniture del make up. Tuttavia l’effetto sperato si traduce in uno spassoso nulla di fatto: appena bussa alla porta, Leone non ci casca e capisce senza alcun equivoco che quello che ha di fronte è semplicemente Papà, vanificando l’intero piano.

2. The Ferragnez – La confessione di Chiara sul divorzio dei genitori

the ferragnez cinematographe.it

Nel secondo episodio emerge come tema centrale quello delle differenze caratteriali dei due coniugi: Chiara ha un’indole più aperta, positiva e propositiva; Fedez invece è più riflessivo, manifesta con meno facilità i propri malumori. Ma dietro alla pragmaticità risolutiva dell’influencer c’è una sorta di sofferenza relativa agli anni dell’adolescenza, quando la figlia maggiore, come confida allo psicoterapeuta, si è dovuta prendere cura delle sorelle Valentina e Francesca e, in qualche modo, anche dei genitori nei dolorosi anni della separazione. Ritornare alla mente a quei ricordi per Chiara non è affatto facile, ed apprezzabile è l’onestà e la vulnerabilità con la quale decide di mostrarsi al marito e a sé stessa.

Leggi anche The Ferragnez: recensione della serie tv disponibile su Amazon Prime

3. Fedez racconta l’abuso subito

the ferragnez cinematographe.it

Se Chiara deve agli anni del divorzio dei genitori il suo temperamento concreto e determinato, un’altra confessione, se possibile più sofferta, apre alla fragilità di Federico. Lucido, controllato e razionale il rapper milanese racconta dell’abuso subito a undici anni da parte di un dentista durante una visita radiologica. Consapevole di una violenza circoscritta alla molestia, seppur inconcepibile, quegli anni hanno comprensibilmente segnato il carattere di Fedez e della sua insicurezza su sé stesso e sul sentimento, condiviso a molti, del non sentirsi mai all’altezza. Uno dei momenti di immediata emozione e identificazione dell’intera serie.

Leggi anche Chiara prima dei Ferragnez: com’era da piccola? 

4. Dolori del parto e dove simularli

the ferragnez cinematographe.it

Quasi in procinto di partorire ma non per questo ostacolata dalla fatica della gravidanza, Chiara assieme ad una sua amica, anche lei incinta di due gemelle, portano Federico e il rispettivo compagno in una clinica milanese che riesce a simulare i dolori del travaglio ai più fortunati mariti non partorienti. Attraverso degli elettrodi sul basso ventre, attivati gradualmente dai medici, Federico e l’amico provano solo in parte uno dei dolori ritenuti più insopportabili percepiti dal corpo umano, quello delle doglie. Un privilegio che avrebbero fatto volentieri a meno, ma l’aspetto tragicomico è piuttosto esilarante.

5. Un fitting con…Donatella

the ferragnez cinematographe.it

Prima di partire per Sanremo Fedez, Chiara e il figlio Leone passano un pomeriggio nell’atelier milanese di Donatella Versace: l’obiettivo è quello di perfezionare l’outfit dell’esibizione e duplicarlo in formato mini per il figlio che lo indosserà a Milano. Dalla sequenza emerge non solo la confidenza della famiglia Ferragnez nei confronti dell’amica stilista, ma la rispettiva ‘accessibilità’ della Versace che, nonostante la fama e il talento indiscusso, viene definita da entrambi ‘easy’, cordiale, “una zia. Leone ad oggi risulta essere l’unico bambino ad aver avuto l’onore e il privilegio di essere parte di un fitting con il mito Donatella.

Leggi anche Venezia 76 – Chiara Ferragni – Unposted: recensione

Articoli correlati